Potrebbe essere il serpente più grande mai esistito


Una notizia affascinante ha illuminato il mondo della paleontologia. È stata infatti appena rivelata l’esistenza di una specie di serpente preistorico di dimensioni colossali (forse uno dei più grandi mai esistiti sulla Terra). Con una lunghezza corporea stimata in quindici metri, questo antenato estinto potrebbe benissimo rivaleggiare con il Titanoboa, il più grande serpente finora conosciuto.

I più grandi serpenti della storia

IL Madtsoiidae, un gruppo estinto di serpenti terrestri, furono trovati principalmente nel supercontinente Gondwana ed esistettero per circa 100 milioni di anni, dal tardo Cretaceo al tardo Pleistocene. La loro distribuzione geografica copriva il Madagascar, il Sud America, l'India, l'Africa e l'arcipelago europeo durante il tardo Cretaceo. Durante il Cenozoico la loro presenza fu poi limitata al Nord Africa, al Sud America, al subcontinente indiano e all'Australia.

I Madtsoiidi mostravano una varietà di dimensioni corporee e includevano alcuni dei più grandi serpenti terrestri conosciuti. Considerate temibili predatori ben adattate alla vita sulla terra, queste creature avrebbero cacciato una varietà di prede, probabilmente altri rettili, anfibi o anche mammiferi più piccoli che probabilmente uccidevano per costrizione.

Un nuovo serpente gigante

Recentemente, i paleontologi hanno identificato un nuovo membro di questa famiglia. Nominato Vasuki indicus, in omaggio a un mitico serpente indù e al paese della sua scoperta, l'India, i suoi resti furono scavati in una miniera di carbone nello stato del Gujarat. Includono 27 vertebre, per lo più ben conservate, che misurano tra 37,5 e 62,7 millimetri di lunghezza.

Queste scoperte hanno permesso ai ricercatori di stimare che l'animale avrebbe potuto effettuare misurazioni tra 10,9 e 15,2 metri di lunghezza, che lo rende un gigante tra i serpenti. Per confronto, si stima che il Titanoboaun altro serpente preistorico appartenente allo stesso gruppo, aveva una lunghezza fino a raggiungere i 14,3 metri.

READ  "Spero che il suo club glielo permetta", il messaggio di Emmanuel Macron al Real Madrid per liberare Kylian Mbappé per le Olimpiadi
animali serpente titanoboa
Titanoboa deliziato dalla preda. Crediti: Wikimedia Commons / Ryan Quick

La differenza principale tra Titanoboa e Vasuki indicus risiede nella loro distribuzione geografica. I resti del primo furono infatti scoperti in Sud America, in particolare in Colombia. D'altro canto i due rettili si sarebbero evoluti durante lo stesso periodo, all'incirca nell'Eocene medio 58-60 milioni di anni fa.

Per quanto riguarda le implicazioni di questa scoperta per comprendere l'evoluzione dei serpenti e le condizioni ambientali preistoriche, i ricercatori ipotizzano che le grandi dimensioni di Vasuki potrebbero essere collegate alle temperature annuali più elevate che prevalevano sulla Terra all'epoca in cui viveva lì. Poiché i serpenti sono animali a sangue freddo, la loro dimensione è direttamente influenzata dalla temperatura ambiente. Condizioni più calde potrebbero quindi aver permesso ai serpenti di crescere fino a raggiungere proporzioni gigantesche. Anche la mancanza di altri predatori aggressivi in ​​questo periodo potrebbe aver favorito l’emergere di queste enormi creature.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Rapporti scientifici.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *