profilo dei sospettati, circostanze della tragedia… Quello che sappiamo delle indagini


Quattro giovani sono incriminati per aver picchiato Shemseddine, un quindicenne, all'inizio di aprile davanti al collegio Sablons di Viry-Châtillon.

Quattro giorni dopo la tragedia, le domande rimangono senza risposta. L'emozione è ancora forte a Viry-Châtillon, cittadina dell'Essonne dove Shemseddine, 15 anni, è stato picchiato giovedì 4 aprile davanti alla sua scuola. La sua morte è stata annunciata il giorno successivo. Venerdì 5 aprile è stata aperta un'indagine per omicidio e cinque persone sono state arrestate.

Nella notte tra domenica e lunedì, il pubblico ministero di Evry Grégoire Dulin ha comunicato nuovi elementi sull'evoluzione delle indagini.

• Quattro giovani accusati di omicidio, due dei quali incarcerati

Quattro giovani furono accusati di omicidio ha annunciato l'accusa molto presto questo lunedì. « Considerati in particolare i rischi di consultazione e pressione sui testimoni, nonché il grave turbamento dell'ordine pubblico causato dall'estrema gravità dei fatti, la messa in custodia cautelare » di queste quattro persone « è necessaria », ha precisato il pubblico ministero qualche ora prima, domenica sera.

Due degli imputati (un ventenne adulto e un minore) sono stati quindi incarcerati mentre altri due minorenni si trovano in carcere temporaneo prima di un dibattito contraddittorio che avrà luogo mercoledì 10 aprile.

La quinta persona accusata, una minorenne di 15 anni, sorella di due delle persone sospettate di aver commesso l'aggressione, non è stato oggetto di una richiesta di custodia cautelare.

Dalle indagini è emerso che lei non era presente al momento dei fatti, ma è stata incriminata per “omissione volontaria di prevenzione di un reato”. Come aveva chiesto l'accusa, «nei suoi confronti è stata ordinata una misura educativa giudiziaria provvisoria, con inserimento in un istituto scolastico e divieto di comparire a Essonne».

READ  I cani sono in grado di rilevare un imminente flashback di disturbo da stress post-traumatico

• Uno dei sospettati “ha ammesso di aver colpito”

Chi sono questi cinque individui? Secondo le informazioni rivelate dalla Procura questa domenica, Si tratta di un adulto di 20 anni, tre minorenni di 17 anni e un minore di 15 anni. Tre di loro provengono dagli stessi fratelli: il maggiorenne di 20 anni, uno dei minori di 17 anni e il minore di 15 anni.

Molti di loro hanno precedenti penali, ha precisato il procuratore Grégoire Dulin nel suo comunicato stampa. L'adulto è stato condannato nel febbraio 2023 per possesso di droga, il fratello per violenza di gruppo e il secondo minore per tentata estorsione.

In custodia di polizia, uno degli imputati « ha ammesso di aver colpito », il suo avvocato è tornato su BFMTV, Maestro Jacques Bourdet. « Si tratta chiaramente di colpi mortali, vale a dire di violenza intenzionale che porta alla morte senza l'intenzione di provocarla », ha spiegato.

• Dettagli sulle circostanze della tragedia

Secondo i primi risultati delle indagini, l'aggressione sarebbe stata il risultato di un litigio a causa della sorella di due delle persone sospettate dell'aggressione.

« I due fratelli avevano saputo, diversi giorni prima, che la loro sorella corrispondeva con persone della sua età su argomenti relativi alla sessualità« , precisa l'accusa nel comunicato stampa.

« Temendo per la sua reputazione e per quella della loro famiglia, avevano intimato a diversi ragazzi di non avere più contatti con lei. Hanno poi appreso che la vittima si vantava di poter parlare liberamente con la sorella, non avendo ancora dovuto subire pressioni da parte loro ». ”, ha aggiunto Grégoire Dulin.

READ  Come rimuovere le macchie di ruggine? 5 consigli radicali

I due fratelli, accompagnati da due conoscenti, si sono poi recati giovedì al collegio Sablons, dove hanno incontrato Shemseddine « per caso », secondo le loro dichiarazioni citate dal magistrato.

Avrebbero chiesto all'adolescente di seguirli nell'atrio dell'edificio per avere “una spiegazione sui commenti che aveva fatto nei confronti della giovane”. « I toni si sono alzati e sono stati sferrati colpi che hanno fatto cadere la vittima », continua il pubblico ministero.

Il fratello, 20 anni, avrebbe contattato i servizi di emergenza ma, « per garantire loro la fuga », dice l'accusa, avrebbe fornito « false informazioni alla polizia, spiegando in particolare di aver visto diversi giovani incappucciati fuggire a piedi « .



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *