Questa è l’unica specie, a parte l’uomo, che esegue operazioni chirurgiche


Spesso percepite come semplici insetti, le formiche continuano a sorprendere gli scienziati il loro complesso comportamento sociale e le loro sorprendenti capacità. Recentemente, un team ha fatto un’ulteriore scoperta nelle formiche carpentiere della Florida (Camponotus floridanus). Come gli esseri umani, questi insetti sarebbero infatti in grado di eseguire operazioni chirurgiche sui loro simili, il che dimostra una nuova dimensione della loro organizzazione sociale e del loro istinto di sopravvivenza.

Interventi chirurgici sulle formiche

Le ferite aperte rappresentano un grave pericolo per la sopravvivenza degli animali a causa rischi elevati di infezione e mortalità. Molte specie animali hanno quindi sviluppato meccanismi per ridurre questi rischi, in particolare l’applicazione di composti antimicrobici sulle ferite. Ad esempio, le formiche utilizzano tipicamente le secrezioni antimicrobiche della ghiandola metapleurica per combattere le infezioni. Tuttavia, alcune specie, comprese le formiche del genere Camponotus, hanno perso questa ghiandola durante l’evoluzione.

Per capire come questi insetti trattano oggi le ferite infette in assenza di secrezioni antimicrobiche metapleuriche, i ricercatori dell’Università di Würzburg, in Germania, hanno condotto esperimenti su Formiche carpentiere della Florida (Camponotus floridanus), poi rivelatore comportamenti chirurgici sofisticato e adattivo.

Nel dettaglio, i ricercatori hanno inflitto lesioni sperimentali alle zampe delle formiche, osservando reazioni distinte a seconda della posizione della lesione. Quando è stata localizzata la ferita a livello del femoreformiche illese ha reagito amputando l’arto ferito. Per fare questo mordevano la base della gamba, a livello del trocantere, fino a recidere l’arto. Questa amputazione ha aumentato significativamente la sopravvivenza delle formiche ferite rispetto a quelle i cui arti non erano stati amputati. D’altra parte, quando la lesione era localizzata più in basso, a livello della tibiale formiche non ha effettuato l’amputazione. Si sono invece concentrati sulla pulizia intensiva della ferita.

READ  Questo lago sabaudo è stato vittima di uno tsunami preistorico

Spiegazioni e ipotesi

I ricercatori hanno avanzato diverse ipotesi per spiegare questa differenza di trattamento a seconda della sede della lesione. Osservazioni e analisi hanno dimostrato che i muscoli responsabili della circolazione dell’emolinfa (l’equivalente del sangue negli insetti) si trovano principalmente nel femore. Le lesioni al femore rallentano quindi il flusso di emolinfa, concedendo alle formiche abbastanza tempo per amputare l’arto prima che l’infezione si diffonda.

Al contrario, gli stinchi delle formiche contengono relativamente poco tessuto muscolare. Ciò significa che le infezioni possono diffondersi più rapidamente dalla tibia, rendendo inefficace l’amputazione se non eseguita immediatamente dopo l’esposizione all’agente patogeno. Pertanto, le formiche si concentrano sulla pulizia della ferita per cercare di limitare la diffusione dei batteri.

formiche
Le formiche carpentiere della Florida eseguono amputazioni sulle loro formiche quando le loro gambe sono ferite. Crediti: Bart Zijlstra

Le implicazioni di questi risultati

Questo studio offre il primo esempio documentato dell’uso delle amputazioni per trattare individui infetti in un animale non umano. Dimostra inoltre che le formiche possono adattare il loro tipo di trattamento a seconda della posizione delle lesioni, mostrando una sofisticata capacità di valutazione e processo decisionale.

Questi risultati hanno importanti implicazioni per la nostra comprensione dei comportamenti sociali e medici negli insetti. Mostrano che le formiche carpentiere della Florida hanno sviluppato complesse strategie di sopravvivenza in assenza di ghiandole antimicrobiche specializzate. Ciò evidenzia l’importanza dell’innovazione comportamentale nell’evoluzione dei meccanismi di cura e protezione all’interno delle colonie di insetti sociali.

Inoltre, questo studio potrebbe aprire nuove prospettive per la ricerca biomedica. Comprendendo meglio come queste formiche gestiscono le infezioni senza bisogno di antibiotici, gli scienziati potrebbero scoprire nuovi metodi di trattamento delle ferite e delle infezioni per gli esseri umani basati su principi simili di amputazione e gestione delle ferite.

READ  L'astronave completa un terzo volo mozzafiato

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Biologia attuale.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *