Queste piante stanno scomparendo dalle nostre regioni con la più grande indifferenza


Quasi il 20% delle specie vegetali del mondo sono a rischio di estinzione. Una scomparsa che sembra preoccupare meno di quella che minaccia le specie animali, anche se strettamente legate a queste piante in via di estinzione.

Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), almeno un ottavo delle specie vegetali del mondo sarà in pericolo di estinzione entro 2050. In Francia, l’organizzazione ne elenca più di 740 specie di piante minacciatoovvero circa il 15% del flora vascolare nazionale. Un campanello d’allarme che non sembra allertare né il grande pubblico né i media.

Queste specie vegetali sono destinate a scomparire

Molti specie vegetali Sono minacciate di estinzione per vari motivi, tra cui la deforestazione, il cambiamento climatico, l’inquinamento, l’introduzione di specie invasive e lo sfruttamento eccessivo. Ecco alcuni esempi di piante particolarmente minacciate in tutta la Francia e nel mondo :

  • Legno Di rosa (Dalbergia): albero tropicale molto sfruttato per il suo legno pregiato, soprattutto in Sud America e Sud-Est asiatico, aumentando drasticamente la deforestazione.
  • Panico viviparo (Eryngium viviparum): pianta delle zone umide del Morbihan in grave pericolo di estinzione a causa della scomparsa del suo habitat naturale.
  • Astragalo di Marsiglia (Astragalo tragacante): pianta tipica delle garighe costiere classificate a rischio di estinzione a causa del sovraffollamento delle zone costiere.
  • Sassifraga di Gizia (Saxifraga giziana): specie in grave pericolo di estinzione osservabili nel Giura, che soffrono per la distruzione del loro habitat.
  • Baobab (Adansonia): albero africano minacciato dai cambiamenti climatici, che ne compromettono l’habitat e la capacità di riprodursi.
  • Alcune specie di orchidee : Molte specie di orchidee sono in pericolo a causa della distruzione dei loro habitat naturali e del commercio illegale.
  • Pino Wollemi (Wollemia nobilis): scoperto nel 1994 in Australia, questo albero preistorico è uno dei specie vegetali più rare al mondominacciati da incendi, malattie e cambiamenti climatici.
  • Rafflesia arnoldii : questa pianta tropicale nota per produrre il fiore più grande del mondo sta soffrendo la distruzione del suo habitat naturale in Indonesia e Malesia.
  • Palme del Madagascar : molte specie di palme malgasce come la palma tripledrica (Profondamente ingannevole) sono minacciati dalla deforestazione e dalla raccolta illegale.
  • Euforbia obesa : questa pianta endemica del Sud Africa è minacciata dal bracconaggio e dalla distruzione del suo habitat.
  • Nepenthes : piante carnivore del genere Nepenthes sono minacciate dalla perdita dei loro habitat tropicali e dalla raccolta per il commercio di piante esotiche.
  • Raymonda pirenaica : fiore dei Pirenei minacciato dal riscaldamento globale.
READ  Scoperta di un nuovo spinosauro in Spagna
orchidea selvatica fiore rosa pianta specie flora piante in via di estinzione
Orchidea piramidale viola europea (Anacamptis piramidale) – Crediti: Wirestock/iStock

Perché la scomparsa delle specie vegetali preoccupa il grande pubblico meno di quella delle specie animali

Gli animali, e più in particolare i mammiferi e gli uccelli, per il loro aspetto e comportamento suscitano più empatia delle piante, riducendo così la loro visibilità mediatica.

Inoltre, il grande pubblico generalmente ha meno conoscenza delle piante e i loro ruoli ecologici rispetto agli animali, più facili da identificare e affezionarsi a loro. Senza contare il ruolo che la fauna selvatica svolge all’interno delle diverse culture (mitologie, religioni, simboli nazionali, ecc.), spesso visti come totem o emblemi.

Le piante, pur presenti nel nostro ambiente quotidiano, vengono così erroneamente percepite come parte dell’arredo piuttosto che come elementi naturali. esseri viventi con cui interagiamo direttamente.

Orso polare Polo Nord Artico che scioglie i ghiacci, gli iceberg e il riscaldamento globale
Crediti: NiseriN/iStock





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *