queste specie vengono regolarmente catturate per caso


Le cosiddette catture “bycatch”, ovvero le normali catture accidentali, ammontano, secondo le stime del WWF (World Wide Fund for Nature), a quasi 40 milioni di tonnellate di animali marini.

La stragrande maggioranza di catturato accidentalmente animali marini da pescherecci da traino e altre navi commerciali gettato in mare O abbandonato ha terre, morente o ferito. A seconda di specie catturatele catture accessorie sono più o meno sproporzionate: ad esempio, la pesca di un singolo chilo di gamberetti genererebbe tra 5 e 20 chili di cattura accidentale. Questa attività commerciale rappresenta sicuramente una delle le maggiori minacce per le specie marinema anche per l’intero oceano.

I considerevoli rifiuti portano molte specie marine sull’orlo dell’estinzione

A causa di numero di catture accessorie considerevole, il pesca commerciale si concede a spreco di risorse famigerato che causa l’estinzione di numerose specie marine, fauna e flora acquatica confuso.

Un impatto significativo sulla biodiversità

IL catture accidentali di specie non bersaglio durante le attività di pesca commerciale rappresentano un grosso problema per il biodiversità marino. Ecco alcune delle principali problematiche legate a questo fenomeno:

  • Impatto sulla biodiversità marina : le catture accessorie comprendono un'ampia varietà di specie: squali, tartarughe, uccelli marini, mammiferi marini (delfini e balene), ecc. La cattura di queste specie non bersaglio provoca poi notevoli disturbi all’interno degli ecosistemi marini, influenzando l’equilibrio della catena alimentare e la biodiversità acquatica.
  • Minaccia per le specie in via di estinzione : molte specie catturate accidentalmente sono già minacciate o in pericolo di estinzione (in particolare gli squali e le tartarughe marine). La pesca commerciale, sia selettiva che non selettiva, sta finalmente condannando queste specie in via di estinzione.
  • Mancanza di consapevolezza tra i consumatori : se la consapevolezza e la scelta dei consumatori svolgono spesso un ruolo cruciale, l’acquisto di prodotti ittici oggi rimane un luogo comune e l’impatto della pesca eccessiva sul pianeta è relativamente sconosciuto (o poco sentito).
READ  Une nouvelle distinction pour Céline Boutier

Delfini, squali, balene, tartarughe e uccelli marini: tante specie subiscono i danni collaterali della pesca

Da animali marini catturati accidentalmente ogni annole statistiche globali stimano che la stragrande maggioranza lo sia delfini E piccole balene (300 000 persone uccise ogni anno), nonché uccelli marini (tra cui una decina di specie di albatros). Quelli che seguono sono i tartarughe marine con 250 000 individui catturati, tra cui la tartaruga Caretta caretta, in via di estinzione, e la tartaruga liuto, in grave pericolo di estinzione. Infine, il cattura accidentale di squali sono stimati poco meno di 1000 tonnellate all'anno (tutti uguali).

stato infografico marino della pesca e delle catture accessorie
Crediti: Margaux Blanc/Sciencepost.fr





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *