Questo fantastico anfibio balla il tip tap e finalmente potremmo sapere perché


Nel mezzo l'anfibio che allatta i suoi piccoli come un mammiferoquelli che sopravvivere ai funghi mortali senza battere ciglio et quello che abbiamo soprannominato serpente del pene, gli anfibi a volte possono sorprenderci con il loro aspetto unico o esibire comportamenti insoliti. Il dendrobato tapirer o dendrobato tinto (Tintore di dendrobates) è proprio uno di questi.

Questa specie tropicale presente in Guyana e nell'America del Sud, in particolare in Brasile, si distingue soprattutto per il suo mantello colorato che presenta una trentina di varianti che combinano con bellezza il blu, il giallo brillante o addirittura il nero profondo. Anche lei è a velenoso passivo che secerne veleno con la pelle e può intossicare il corpo per contatto. Un'altra caratteristica che gli è valsa il nome tinctorius è che alcune tribù di nativi americani usano il suo muco strofinato sui giovani pappagalli per far ricrescere piume di colore anomalo nei punti in cui venivano strappate per farne graziosi ornamenti o addirittura per produrre veleni usati nell'arte della caccia e della guerra. Tuttavia, è per una specificità completamente diversa che questa rana sta ora facendo notizia nei media scientifici.

Un anfibio con un talento per il tip tap

Per il suo studiol'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign (Stati Uniti) ha voluto capire perché questo piccolo animaletto di due-quattro centimetri (appena la dimensione di una spilla da balia o di un'ape adulta) possa talvolta inizia a ballare il tip tap con le dita dei piedi e le zampe posteriori ad un ritmo che può andare fino a 500 tocchi al minuto o 8 al secondoche è tre volte più veloce del ritmo della canzone « Shake It Off » di Taylor Swift per la cronaca.

READ  Neuralink impianta un chip cerebrale in un secondo essere umano

Per studiare questo curioso comportamento, i ricercatori hanno registrato ventidue anfibi mentre venivano nutriti. Le osservazioni furono quindi molto impressionanti. Non appena il cibo (qui i moscerini della frutta) fu vicino, i rubinetti sono saliti a 389 al minuto contro i soli 50 in assenza di uno spuntino appetitoso oppure quando gli insetti erano visibili, ma racchiusi in piastre Petri. Ciò suggerisce che questi animali aumentano la velocità solo quando la cattura della preda è ragionevolmente all’orizzonte.

Durante i loro esperimenti, gli scienziati hanno anche notato una notevole differenza nella frequenza dei colpi a seconda delle diverse superfici su cui hanno posizionato gli animali. Quando i moscerini della frutta erano vicini e le rane erano sulle foglie, il numero medio di carezze poteva farlo picco a 255 al minuto. Su terreno questo è sceso a 98 colpi al minuto e a 118 su agar. Tuttavia, i rubinetti erano molto più piccoli su una « pista da ballo » di vetro: solo 64 rubinetti al minuto. E secondo il team, potrebbe essere spiegato dall'impatto della superficie sulla produzione di vibrazioni, più efficaci sulle foglie.

Come possiamo spiegare tale comportamento?

I ricercatori non escludono del tutto la possibilità che questi anfibi possano semplicemente battere le zampe perché provano una forte eccitazione all’idea del buon pasto che li attende. Tuttavia, un’altra strada sembra molto più probabile. Come dice Eva Fischer, una delle due persone dietro questo insolito lavoro: “ Queste rane possono cercare cibo solo quando la preda è viva e in movimento, quindi forse questi rubinetti aiutano creare vibrazioni che spaventano le mosche e le fanno muovere ».

Ciò può inoltre renderli più facili da individuare prima di divorarli. Potrebbe anche darsi che le carezze di questo anfibio siano abituate attirare le prede in modo che si avvicinino. In ogni caso, il team ha notato che un ritmo più frenetico era correlato a maggiori tentativi di cattura dei moscerini della frutta (anche se di fatto ciò non assicurava il successo della caccia).

READ  un polipo crea uno scudo per proteggersi da un attacco
Lo scarabeo tinto o la rana anfibia dendrobate tinta (Dendrobates tinctorius)
Credito: Agus Fitriyanto/iStock

Saranno necessarie ulteriori ricerche per giungere a conclusioni formali e poter affermare con sicurezza che questo anfibio picchietta deliberatamente la zampa per far muovere gli insetti. Questi risultati sembrano comunque coerenti con uno studio pubblicato nel novembre 2023 dall’Università di Magdalena (Colombia) che aveva determinato con un accelerometro che questi anfibi toccavano più rapidamente prima di attaccare la preda. E come spiega Reginald Cocroft, ricercatore dell’Università del Missouri che ha partecipato allo studio colombiano: “ questo è potenzialmente a interessante esempio di predatore che utilizza segnali sensoriali per manipolare il comportamento della sua predao almeno è una possibilità. »





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *