Questo ittiosauro potrebbe essere il più grande rettile marino mai trovato


Gli scienziati hanno recentemente portato alla luce i resti di un gigantesco ittiosauro, suggerendo che potrebbe essere il più grande rettile marino mai scoperto. Si ritiene che la specie appena scoperta sia vissuta durante il tardo Triassico, tra 251,9 e 201,4 milioni di anni fa.

Un gigante di 25 metri

Sebbene il Mesozoico sia spesso considerato l'età di dinosauriè importante notare che il ittiosauri non erano i dinosauri stessi. Queste creature, che si sono evolute da un altro gruppo di rettili, condividevano infatti somiglianze evolutive con le balene, come respirare aria e dare alla luce piccoli già formati.

La scoperta di questi resti fossili è stata effettuata tra il 2020 e il 2022 a Blue Anchor, nel Somerset nel Regno Unito. I resti includono una serie di dodici frammenti di un osso surangolare, che si trova nella parte superiore della mascella inferiore. I ricercatori stimano che l’osso fosse lungo circa due metri. Ciò suggerisce che l'animale potrebbe raggiungere una lunghezza impressionante di circa 25 metri nella sua vita.

Da notare che un esemplare simile era stato scoperto a Lilstock, sempre nel Somerset, nel 2016. Le due creature sono state trovate in quella che è conosciuta come la formazione Westbury Mudstone, a meno di un miglio di distanza.

Il precedente contendente per il titolo di più grande rettile marino era un altro ittiosauro di nome Shonisaurus sikanniensis. Quest'ultimo, che è stato all'altezza 21 metri di lunghezzasarebbe apparso tredici milioni di anni prima dell'esemplare scoperto di recente, in quella che oggi è la Columbia Britannica.

READ  De Almeida, Gaetino e Martens nel girone del PSG per la semifinale d'andata contro l'OL
Ittiosauro
Due esemplari della specie Ichthyotitan severnensis nuotare nelle acque del Mesozoico. Crediti: Gabriel Ugueto, CC-BY 4.0

Un momento di grave sconvolgimento ambientale

Questa nuova specie di ittiosauro ricevette un nome Ichthyotitan severnensis, in riferimento all'estuario del Severn dove furono scoperti i resti. Gli scienziati ritengono che questa non sia solo una nuova specie, ma anche a genere completamente nuovo di ittiosauro. Ciò amplia la nostra comprensione della diversità di questi rettili marini preistorici.

Nella zona sono stati rinvenuti anche diversi frammenti di costole e un coprolite (un escremento fossilizzato), ma non sono stati definitivamente attribuiti allo stesso animale.

È interessante notare che i sedimenti in cui sono stati trovati questi esemplari contenevano rocce che indicavano un'intensa attività sismica e vulcanica dell'epoca. Questa scoperta suggerisce quindi che questa specie visse durante un periodo di grave sconvolgimento ambientale che potrebbe aver portato ad un'estinzione di massa alla fine del Triassico.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista PLOS Uno.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *