Questo pianeta puzza di uova marce e provoca violente tempeste di vetro


Gli astronomi hanno recentemente rilevato un insolito segnale olfattivo proveniente da un lontano esopianeta, HD 189733 b, che tormenta anche i sensi più robusti. Questo pianeta, già famoso per le sue condizioni estreme, rivelava un’atmosfera impregnata di idrogeno solforato che produceva un odore di uova marce. Situato a 65 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Orsa Minore, questo mondo offre uno sguardo affascinante sulla diversità planetaria oltre il nostro sistema solare.

Un pianeta che puzza

HD 189733 b è classificato come un « Giove caldo » per la sua somiglianza con il gigante gassoso del nostro pianeta. sistema solare. Presenta caratteristiche atmosferiche tanto estreme quanto varie. Con un’orbita incredibilmente vicina alla sua stella, a soli 4,8 milioni di chilometri di distanza, questo pianeta ha temperature che raggiungono 927 gradi Celsius.

L’idrogeno solforato, noto per il suo caratteristico odore di zolfo di uova marce, non era mai stato rilevato in modo definitivo al di fuori del nostro sistema solare. Questa scoperta quindi non è solo la prima nell’esplorazione degli esopianeti, ma offre anche informazioni cruciali sulla composizione chimica e sulle dinamiche atmosferiche dei mondi extrasolari.

Per identificare l’idrogeno solforato nell’atmosfera di HD 189733 b, i ricercatori hanno utilizzato il James Webb Space Telescope (JWST), uno strumento all’avanguardia progettato per sondare atmosfere extraterrestri con una precisione senza precedenti. L’osservatorio è infatti dotato di spettrografi in grado di rilevare le firme molecolari nello spettro infrarosso degli esopianeti.

Nel dettaglio, quando la luce proveniente dalla stella HD 189733 attraversava l’atmosfera del pianeta, le molecole presenti assorbivano determinate lunghezze d’onda specifiche di quella luce. Gli spettrografi del telescopio hanno finalmente scomposto questa luce in uno spettro che ha rivelato i caratteristici assorbimenti causati dalle diverse molecole atmosferiche.

READ  Il vino più antico conosciuto contiene ingredienti extra terrificanti
Numero di serie: 189733b
Rappresentazione artistica del pianeta extrasolare HD 189733b, visto qui con la sua stella madre stagliata dietro di esso. Crediti: ESA/NASA/Frédéric Pont, Osservatorio Universitario di Ge

Tempeste di vetro

Oltre alla sua atmosfera puzzolente, HD 189733 b orbita attorno alla sua stella in soli 2,2 giorni terrestri, rendendo ogni rotazione un balletto caotico tra caldo estremo e freddo gelido. Questa vicinanza avrebbe creato condizioni uniche, come docce di vetro causate da forti venti che trasportano vapore di silicato su tutta la superficie del pianeta.

Sebbene HD 189733 b sia naturalmente troppo ostile per sostenere qualsiasi forma di vita come la conosciamo, rappresenta un laboratorio naturale per lo studio dei meccanismi di formazione planetaria. Gli scienziati stanno ora studiando se altri Giove caldi nell’universo condividono questa caratteristica atmosferica e come questa potrebbe influenzare il loro sviluppo ed evoluzione.

Questi studi futuri mireranno a mappare in modo più preciso le variazioni nella composizione atmosferica tra gli esopianeti, fornendo indizi cruciali sui processi cosmici in atto oltre il nostro sistema solare.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *