Questo razzo potrebbe inviare gli astronauti su Marte in due mesi


Le ambizioni di raggiungere Marte sono sempre state ostacolate dalla lunghezza del viaggio che richiede quasi due anni per un viaggio di andata e ritorno utilizzando le attuali tecnologie di propulsione. Tuttavia, un nuovo concetto di razzo potrebbe cambiare radicalmente la situazione.

Un sistema di propulsione al plasma pulsato

Attualmente, i metodi convenzionali di propulsione spaziale utilizzano principalmente motori di propulsione chimica con propellente liquido o solido. Funzionano bruciando combustibili per produrre la spinta che spinge la navicella spaziale attraverso lo spazio. Tuttavia, questo metodo presenta notevoli limitazioni in termini di efficienza e tempo di viaggio, a causa della quantità limitata di carburante che la nave può trasportare e del tempo necessario per raggiungere la velocità necessaria per completare il viaggio verso Marteda qui l'interesse di questo nuovo concetto: il Sistema di propulsione a plasma pulsato (PPR)..

Sviluppato da Howe Industries, il sistema Pulsed Plasma Propulsion (PPR) si basa su una tecnologia progettata per essere significativamente più efficiente rispetto ai metodi attuali. Si distingue infatti per il suo impulso specifico elevato (Isp), una misura dell'efficienza con cui genera la spinta. Concretamente, invece di dipendere da reazioni chimiche per generare la spinta, questo concetto si basa su un sistema di energia nucleare fissione controllata. Questo sistema sfrutta quindi la divisione degli atomi per liberare energia che viene poi convertita in spinta tramite a plasma pulsato.

Questo plasma, composto da particelle caricate elettricamente, lo è accelerato da un campo elettromagnetico per produrre una spinta estremamente efficiente. Questo metodo raggiungerebbe velocità molto più elevate rispetto ai tradizionali motori a propulsione chimica, riducendo significativamente il tempo necessario per raggiungere Marte circa due mesi. Il PPR sarebbe anche significativamente più piccolo, più semplice e più conveniente rispetto alle tecnologie precedenti, aprendo la strada a missioni spaziali più ambiziose.

READ  La prima radiografia al mondo di un singolo atomo
Motore di detonazione del razzo della NASA su Marte
Crediti: Elen11/iStock

Trasformare l'esplorazione spaziale

Oltre a ridurre i tempi di viaggio, un razzo di questo tipo potrebbe anche consentire l’integrazione carichi utili molto più pesantioffrendo così la possibilità di installare una schermatura aggiuntiva per proteggere l'equipaggio da particelle dannose ad alta energia come i raggi cosmici galattici, incontrate durante il volo spaziale prolungato.

Con le sue prestazioni eccezionali che combinano un Isp elevato e una maggiore spinta, questo razzo potrebbe trasformare radicalmente l’esplorazione spaziale. Questa innovazione potrebbe infine portare a compimento il sogno della NASA di stabilire una base permanente sulla superficie del Pianeta Rosso.

Il concetto PPR entra ora nel fase II dello studio Concetto Avanzato Innovativo (NIAC) della NASA, dopo aver completato con successo la Fase I. Questa nuova fase si concentrerà sull'ottimizzazione della progettazione del motore, sulla convalida dei principi di funzionamento e sulla progettazione di un veicolo spaziale adatto alle esigenze di questi rapidi viaggi verso marzo.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *