Rachid El Morabity: “Ho la motivazione per eguagliare questo record (di dieci vittorie)” alla Marathon des Sables



“In che forma vi avvicinate a questa 38esima edizione?
Mi sento bene, completamente concentrato con la mia squadra. Spero di rimanere in questo stato fino alla fine.

Come è stata la tua preparazione nelle ultime quattro settimane?
Ogni settimana seguo il programma del mio allenatore, Abdelkader El Mouaziz, un grande maratoneta. (vincitore a Londra nel 1999 e 2001 e a New York nel 2000). Faccio molto allenamento a intervalli, allenamento per la forza e allenamento per la resistenza. Corro circa 200 km a settimana, il che significa che in media percorro poco più di 30 km al giorno. La domenica lo allungo un po' con una uscita di 40 o 45 km. Faccio molta attenzione anche all'alimentazione. Cerchiamo di mangiare biologico (ride).

È dal 2011 che domini questa corsa… Come spieghi questo dominio incontrastato?
La serietà, il lavoro, la motivazione, i consigli del mio allenatore e il sostegno del mio sponsor. Le mie giornate consistono nel mangiare, correre e dormire. Questo è il segreto (sorride).

Essere marocchini è la chiave per essere sovrani su questa corsa molto speciale nel deserto del Sahara marocchino?
Vivere in Marocco è infatti un vantaggio, soprattutto per acclimatarsi al caldo. Correre a temperature che superano i 40 gradi richiede preparazione. Ma penso che non sia tutto, che ci sia dell'altro. Fondamentali sono le uscite in alta quota. E per questo gli europei, ad esempio, hanno campi di gioco abbastanza favorevoli. Ciò che conta è anche rimanere modesti e concentrati sul tuo obiettivo. Arrivare e dire che batteremo così e così non è, secondo me, una buona strategia.

READ  Il Bayer Leverkusen resiste al West Ham, la Roma doma il Milan, il Liverpool impotente contro Bergamo

Qual è la tua preparazione sulla sabbia?
Facciamo corsi con bivacchi nel deserto, durano generalmente due settimane. Su questa superficie organizziamo anche gare preliminari, come recentemente un trail in Arabia Saudita. (vittoria). Sono andato a correre anche in India e Tunisia, per avvicinarmi alle condizioni della Marathon des Sables.

Cosa ti rende più forte di tuo fratello Mohamed (che generalmente finisce 2°)? Cosa hai più di lui?
Secondo me è colpa dell'esperienza. È molto più giovane di me (32 anni). Ho fatto più Marathons des Sables di lui, ma anche più gare nei deserti e in Europa.

“Quello che è successo è stato come un incidente”

Hai digerito il tuo abbandono l'anno scorso ?
Per me questa faccenda appartiene al passato, non voglio tornare indietro. Dimentichiamo tutto. È complicato…

Non ci pensi più?
Mai. Guardo davanti a me.

Cosa hai imparato da questo episodio?
Questo mi darà molta motivazione ed energia. Ed è il risultato finale di questa Marathon des Sables che parlerà.

D'ora in poi l'idea è che non ci siano più problemi, sospetti di imbroglio e di essere esemplari?
Proprio così! In più c’è una nuova organizzazione, sono giovani. Conosco bene Cirillo (Gauthier, il nuovo boss della leggendaria Marathon des Sables), è serio. I volontari sono nuovi, il che è positivo. Questo cambiamento è importante.

Per quanto tempo pensi di partecipare a questa gara?
Ho ancora intenzione di gestirlo per tre o quattro anni.

Una decima vittoria quest'anno ti farebbe eguagliare il record di Lahcen Ahansal, è questo il tuo obiettivo? Il mio obiettivo è la speranza. Ho la speranza di vincere e la motivazione per eguagliare questo record. Dieci è un bel simbolo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *