Racing 92 in allerta per i “palle perse” prima dello spareggio contro l'UBB domenica a Bordeaux



Ovviamente è un sollievo. Per la sua prima stagione in Francia, Stuart Lancaster è andato vicino a un testacoda imbarazzante. Nel giro di tre minuti, senza la meta di Max Baudonne a La Rochelle (77esimo), trasformato dall'impeccabile Tristan Tedder, il suo Racing è stato il primo a uscire timidamente prima della fase finale dalla rimonta del 2009. Il minimo sindacale in tasca (niente di più) , i Racingmen affrontano domenica sera a Chaban uno sbarramento complesso contro l'UBB. La scorsa stagione è riuscita a migliorare il proprio record vincendo lo spareggio in trasferta contro lo Stade Français al Jean-Bouin; possono farlo di nuovo?

“È stata una settimana molto buona. dice il loro manager Stuart Lancaster. I nostri leader hanno alzato il livello. Ho fiducia nei nostri giocatori, sono convinto che rappresenteranno bene il Racing. Contro La Rochelle lo scorso fine settimana è stato diverso. Sapevamo che avremmo dovuto affrontare scenari potenzialmente folli e così è stato. A Bordeaux non si tratterà più di prendere un bonus difensivo e di controllare cosa succede altrove. O vinci o esci. Sappiamo quanto sia forte questa squadra dell'UBB, a maggior ragione nel suo stadio dove è davvero difficile giocare. Guarda cosa è successo in questa stagione ai Saraceni quando sono andati al Bordeaux. Hanno preso quaranta punti due volte e so di cosa sono capaci i Saraceni. »

“In questa stagione, a volte abbiamo preso decisioni sbagliate sotto pressione, ma a La Rochelle ho scoperto che eravamo bravi in ​​questo ambito”

READ  Daniil Medvedev al terzo turno del Roland-Garros dopo il ritiro di Miomir Kecmanovic

Stuart Lancaster, direttore del Racing 92

« Sappiamo che l'UBB ha degli ottimi fattori X, sappiamo che sono forti fisicamente, dice Lancaster. Conosco la loro filosofia offensiva, conosco bene Yannick Bru e Noel McNamara (Allenatore d'attacco UBB). Sappiamo anche che il loro obiettivo è la semifinale nella loro città. In questa stagione a volte abbiamo preso decisioni sbagliate sotto pressione, ma a La Rochelle ho scoperto che eravamo bravi in ​​questo ambito. Abbiamo eseguito bene il piano. Mi è piaciuto come Clovis Le Bail e Antoine Gibert hanno gestito la partita, con un gioco di gambe preciso. Questo è importante contro squadre potenti, molto forti sul campo. Max Spring ha fatto un ottimo ingresso ricoprendo la nona posizione. Abbiamo dimostrato una buona mentalità nel vincere, nel gioco a terra, in difesa. Ma abbiamo concesso tre mete a Deflandre. Domenica sera dovremo fare ancora meglio. »

La stessa squadra di La Rochelle?

Il Racing team dovrebbe essere lo stesso di La Rochelle, con una cerniera Le Bail-Gibert, una coppia di centri Chavancy-Fickou, Tedder in difesa e le fijiane Habosi e Tuisova sulle fasce. Davanti anche il gruppo non dovrebbe muoversi, attorno alla seconda linea Woki-Rowlands, molto efficace a Deflandre, e alla terza linea Diallo-Joseph-Kolisi che lavora sempre di più ma che può fare molto meglio. Squalificato tre settimane dopo l'espulsione contro il Bayonne, Fabien Sanconnie è di nuovo disponibile.

READ  Marc-Antoine Olivier argento nella 5 km dei Campionati Europei

“La pressione sarà meno negativa che a La Rochelle ma non sarà meno fortedice il gallese Will Rowlands, perfettamente francofono. Il Bordeaux ha una linea offensiva fantastica, ma anche la nostra è molto forte. La nostra difesa è migliorata molto nelle ultime settimane. La nostra attenzione ai ruck ha dato i suoi frutti ultimamente. »

Chiamato ad assumersi maggiori responsabilità dopo l'infortunio alla spalla sinistra di Nolann Le Garrec (è stato operato questa settimana), Clovis Le Bail ha sottolineato i progressi di questo pacchetto: “I nostri attaccanti stanno guadagnando forza. Nelle ruck, nelle mischie chiuse, negli scontri… non ho dubbi che risponderanno. Sappiamo cosa non dobbiamo assolutamente fare contro i bordolesi: concedere palle perse e sfruttare i palloni, lasciarli correre e prendere fuoco. Con una briciola possono fare grandi cose. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *