Rafael Nadal e Roger Federer uniti per Louis Vuitton



Pensavamo che un giorno li avremmo ritrovati insieme a margine di un torneo di tennis, come ad esempio al Roland-Garros che si aprirà tra pochi giorni (26 maggio – 9 giugno). Infine, vengono scoperti in cima a una montagna, nella catena delle Dolomiti in Italia. Roger Federer e Rafael Nadal hanno accettato di essere al centro della nuova campagna “Core Values” per il marchio di lusso Louis Vuitton. Queste campagne pubblicitarie, realizzate sempre dalla celebre fotografa americana Annie Leibovitz, hanno visto la luce nel 2007, con già all'epoca una coppia di sportivi – Steffi Graf e Andre Agassi intrecciati – convocata per l'occasione proprio come l'ex leader sovietico Mikhail Gorbachev. e l'attrice Catherine Deneuve.

Nel 2010, per l'apertura dei Mondiali di calcio in Sud Africa (il produttore francese di bauli era diventato partner della FIFA quell'anno), Diego Maradona, Pelé e Zinédine Zidane si riunirono a loro volta per sfidarsi in una partita di calcio balilla. Nel 2012, anche Muhammad Ali ha posato, con suo nipote. Come i pluricampioni olimpici, la russa Larisa Latynina (ginnastica) e l'americano Michael Phelps (nuoto)…

Record di «mi piace» su Instagram

Infine, nel novembre 2022, Annie Leibovitz, recentemente entrata all'Accademia francese di belle arti, ha immortalato Lionel Messi e Cristiano Ronaldo mentre giocavano a scacchi su una tipica valigetta a scacchi Vuitton. Il posizionamento delle pedine è stato ispirato da una partita a scacchi giocata nel 2017 tra il campione norvegese Magnus Carlsen e l'americana Hikaru Nakamura e terminata in parità. Questa foto pubblicata sui social network alla vigilia dell'apertura dei Mondiali di calcio in Qatar (a priori l'ultimo contestato dalle due stelle del calcio) è passata alla storia come la seconda foto più apprezzata su Instagram (74 milioni di « Mi piace » ) in meno di tre giorni.

READ  Carlo Ancelotti (Real Madrid) prima della finale di Champions League: “Soffriremo e lotteremo”

Federer e Nadal faranno meglio? In ogni caso, i due hanno giocato la partita sotto l'obiettivo di Leibovitz per il quale lo svizzero aveva già posato due volte, nonostante la neve. Près du refuge Logazuoi, à 2752m d'altitude, situé à mi-chemin entre Cortina d'Ampezzo et Val Badia, ils ont joué le rôle de deux alpinistes en pleine ascension, tous deux porteurs de sacs à dos en toile Monogram emblématique du malletier francese.

La saggezza di due campioni

Questa campagna firmata “ Alcuni viaggi diventano leggende  » voglio “celebrare l'eredità dei viaggi Louis Vuitton, le collaborazioni con persone eccezionali e la trasmissione, sia fisica che emotiva”afferma Pietro Beccari, amministratore delegato del brand da febbraio 2023.

In un lungo video di otto minuti, i due tennisti si prendono poi il tempo di ricordare il loro primo incontro, nel 2003, quando lo svizzero vinse il suo primo Wimbledon, e lo spagnolo cominciava la sua carriera. Si parla anche del loro primo scontro, l'anno successivo a Miami, dove il più giovane picchiò il maggiore, allora vittima di un'insolazione. Prima di affermare il ricordo che vorrebbero lasciare. “Ricordiamoci più della persona che del giocatore” riassume Nadal, che dovrebbe concludere la carriera quest'anno mentre Federer, che ha annunciato il suo ritiro a settembre 2022, si augura ridendo che “la gente è felice di rivederci e non si dice “Oh no, non più lui””.

READ  Ciclismo su strada: Juliette Labous, Audrey Cordon-Ragot e Victoire Berteau selezionate per i Giochi di Parigi

Quando chiediamo loro cosa direbbero a chi erano più giovani, le risposte di queste due stelle del tennis (20 Slam per Federer, 22 per Nadal di cui 14 titoli al Roland-Garros) diventano indirettamente consigli per i giovani giocatori di oggi. Per Nadal è tutto “allenati con la giusta mentalità, per rimanere umile e attento agli altri, anche se hai successo. E il resto seguirà (…) ma devi imparare da solo. » E Federer è d'accordo: “Accetta feedback. A volte sembra un po’ una critica. (…) Devi renderti conto che hai tempo davanti a te e ricordare che il 50% della formazione viene da te stesso… »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *