Rafael Nadal non vuole una cerimonia tributo al Roland-Garros



Diciannove anni dopo il suo primo titolo sulla terra parigina, Rafael Nadal si schiererà al Roland Garros la prossima settimana, a 37 anni, per affrontare Alexander Zverev al primo turno. In un'intervista esclusiva con Televisioni francesi e trasmesso al telegiornale delle 20 di sabato, il giocatore spagnolo ha confidato di essere “ molto probabile » se sia il suo ultimo “Roland”, “ anche se non posso dire di esserne sicuro al 100%. Che senso ha chiudere le porte? »

Interrogato su una possibile cerimonia d'addio, Nadal, sorridendo, ha espresso il suo disaccordo. “ Abbiamo tempo per preparare qualcosa di carino in futuroEgli ha detto. Non penso che avremo bisogno di una cerimonia quest'anno. Le cose accadranno naturalmente con il pubblico. Se l'anno prossimo il torneo vorrà organizzare un evento, anche se non giocherò, verrò per quello. »

“Questa settimana è quella in cui mi sono sentito veramente meglio, soprattutto a livello fisico. Vedremo cosa succede. »

Nell’intervista, Rafael Nadal ha descritto il Roland-Garros come “ luogo magico, dove ho vissuto cose che rimarranno nel mio cuore per sempre « . Riguardo al suo stato di forma ha confidato: “ Questa settimana è quella in cui mi sono sentito davvero meglio, soprattutto a livello fisico. Vedremo cosa succede. Ho un primo turno difficile, anche molto difficile. Non è l'ideale, ma è la stessa cosa (per Alexander Zverev) ».

READ  Lunedì pomeriggio si svolgerà lo scontro tra Rafael Nadal e Alexander Zverev al Roland Garros



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *