Rafael Nadal prima della partita di Roma: « Tutte le partite sono difficili per me oggi »



 » Come ti senti oggi ?
Rafael Nadal : Dopo Madrid mi sono preso qualche giorno a casa e sabato scorso sono arrivato a Roma. Sono riuscito, più o meno, ad allenarmi correttamente in questi ultimi giorni. Sono entusiasta di giocare a Roma, un torneo che mi ha regalato tanti momenti indimenticabili. Vedremo. Giorno dopo giorno. Questa è quasi la mia terza settimana consecutiva sul circuito, il mio terzo torneo consecutivo. Questo non mi succedeva da molto tempo. È una buona notizia. Vediamo, andiamo avanti, giorno per giorno. Ma sono felice di come mi sento oggi.

Questo è probabilmente il tuo ultimo torneo qui a Roma. Cosa ti ispira?
È sempre un buon momento per suonare qui, davanti a un pubblico appassionato. Non posso raccontarvi tutte le emozioni che ho vissuto qui, queste finali incredibili le prime due volte contro cui ho giocato questo torneo (Guillermo) Coria, Ruggero (Federer)(vittorie in cinque set in finale nel 2005 e 2006). È un torneo che fa parte della storia del nostro sport, molto importante nel circuito. Mi sento fortunato a giocare di nuovo qui in questa fase della mia carriera. Sono motivato per domani (GIOVEDÌ) e in questo torneo.

Come immagini le emozioni che saranno tue? Roland-Garros. Sicuramente questo sarà diverso dagli anni precedenti?
Non ho una risposta chiara. Innanzitutto voglio giocare a Roma. Non penso a cosa verrà dopo. Se poi mi sentirò pronto per giocare al Roland-Garros, non posso prevedere che tipo di emozioni proverò lì. Voglio solo godermi ogni giorno. Sono felice di fare quello che faccio.

Se non sei in grado di fare le cose correttamente ogni giorno, se non riesci a divertirti nonostante il dolore e gli infortuni, è quasi impossibile avere successo o continuare a lottare per cose che mi motivano davvero, giusto? Ma ora è quasi la mia terza settimana sul circuito quindi… È un buon momento, anche se i risultati non sono quelli che erano. Ma aumento le mie sensazioni, il mio livello. Vediamo, continuiamo.

« Un mese fa era quasi impossibile per me pensare di poter giocare al Barcellona, ​​poi al Madrid e ora qui alla Roma »

Quali sono i tuoi ricordi più belli della Roma, quali partite?
Penso che sia il primo titolo. La maggior parte dei grandi momenti nel tennis sono stati gli incontri al meglio dei cinque set, perché alla fine rendono gli incontri più emozionanti, più drammatici, e coinvolgono di più le persone. In un certo senso, mi mancano i giorni in cui giocavamo al meglio dei cinque Masters 1000, quelle incredibili battaglie che fanno parte della storia del nostro sport. Ho vinto dieci volte qui, ma restano i ricordi delle prime due vittorie in cinque set contro Coria e contro Roger (Federer) sono in definitiva molto più presenti degli altri. La prima contro Guillermo Coria, 5h14 dall'inizio della partita, ero sotto 3-0 nel 5° set, credo? Il sostegno del pubblico, l'atmosfera, è stato incredibile!

READ  Fendero batte l'argentino Palacios per interruzione al 6° round

Come valuti i tuoi progressi, dal tuo ritorno in circuito a Barcellona tre settimane fa fino agli ultimi allenamenti qui, sia fisicamente che mentalmente?
Questo varia a seconda del giorno. Non è una linea che sale costantemente, è un po' su e giù. Dopo Barcellona (eliminato agli ottavi da Alex De Minaur), ho avuto momenti difficili a Madrid. Anche qui, il primo giorno. Ma da un punto di vista generale la linea è senza dubbio in salita. Un mese fa mi era quasi impossibile pensare di poter giocare al Barcellona, ​​poi al Madrid e adesso qui alla Roma. Le cose stanno andando a posto.

Ho saputo accettare la sfida, accettare che in certi momenti non potevo spingere come avrei voluto. Facendo le cose correttamente e cercando di evitare di correre rischi durante le partite, sono riuscito ad andare avanti. Madrid è stato un bel test per me, ho giocato due giorni di fila, una partita di tre ore. I miei sentimenti sono migliori. Anche per quanto riguarda il tennis. Sono qui per fare del mio meglio. Domani (GIOVEDÌ), è l'inizio. Tutte le partite sono difficili per me oggi, difficili e più imprevedibili di prima. Lo accetto. Sono entusiasta di poter giocare se continuo a lavorare nel modo giusto e il mio corpo me lo permette. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *