Rafael Nadal supera facilmente il primo turno del Masters 1000 di Madrid contro l'adolescente Darwin Blanch



È stato un sorteggio d'oro per entrare senza problemi in quello che forse sarà l'ultimo torneo della sua carriera in terra spagnola e Rafael Nadal ne ha approfittato per non trattenersi, giovedì, nel primo turno del Masters 1000 di Madrid, contro la Lo statunitense Darwin Blanch, 16 anni, 1028° ATP e invitato dagli organizzatori (6-1, 6-0 in 1h4').

Otto giorni dopo la sconfitta contro l'australiano Alex de Minaur agli ottavi di Barcellona (7-5, 6-1), Nadal non ha dovuto faticare troppo contro il centrale Manolo Santana della Caja Magica. Blanch, anche lui mancino, probabilmente ha un futuro molto luminoso che lo attendema il suo presente dice che è ancora uno junior molto lontano dagli standard del circuito principale e persino dal livello Challenger.

Anche se il giovane americano con le gambe non ancora definite e i muscoli ha segnato due ace nei suoi primi due servizi della partita, è diventato subito chiaro che si sentiva obbligato a fare troppo per paragonare al pesante topspin di Nadal. Con quindici errori non forzati in totale nelle sette partite del primo turno, non è riuscito a competere nel tabellone (6-1 in 28').

Per il resto, Nadal, che ha sferrato dei dritti molto potenti alla fine della partita, uno dei quali lo ha fatto sorridere per l'attenzione del suo clan, avrà interesse a bagnarsi il collo prima di tuffarsi nel secondo turno di sabato. se intende non subire shock termici. Lo troverà dieci giorni dopo lo stesso De Minaur (11° ATP), in condizioni di gioco diverse dal Barcellona, ​​e probabilmente con armi meglio consolidate che in Catalogna. Da questa partita emergeranno informazioni molto più preziose che dall'antipasto di giovedì.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *