Realtà virtuale per la preparazione mentale dei subacquei



Il destino olimpico dei tuffatori francesi è nelle mani di uno studente e della sua piccola macchina fotografica. Durante questa settimana di “test event” al Centro acquatico di Saint-Denis, il futuro ingegnere ha seguito le orme dello staff. La sua tabella di marcia: conservare le immagini più precise possibili del sito che ospiterà gli eventi olimpici. Posizione dei trampolini, disposizione delle tribune, percorso degli atleti sulle scale… Niente dell'organizzazione dei locali deve sfuggirgli. Perché si tratta semplicemente di ricreare, grazie alla realtà virtuale, le condizioni dei Giochi Olimpici in casa e un'atmosfera che immaginiamo – speriamo – unica.

Clémence Monnery, l'allenatore della squadra francese, si è chiesta l'anno scorso: “Qual è la soluzione affinché i subacquei possano rendersi conto di come saranno i Giochi in Francia? Per noi, con cinque (per donne) o sei (per uomo) tuffiamoci, il momento in cui veniamo valutati dura meno di dodici secondi. Se non canalizziamo la pressione, non avremo successo. » Una domanda tanto più acuta perché tra gli azzurri un solo atleta ha vissuto questo evento straordinario, e anche allora senza pubblico, visto che era a Tokyo: Alexis Jandard, ormai (molto) famoso per aver insaponato il tavolo durante l'inaugurazione presidenziale del Centro AcquaticoAll'inizio di aprile.

Perfezionare i diversi scenari

È diventato imperativo completare il lavoro di imaging portato avanti con Cécilia Delage, mental trainer della squadra, ma che ha riguardato soprattutto l'aspetto tecnico. Attraverso Robin Pla, responsabile scientifico della Federazione Nuoto, è stato stabilito il contatto con l'EFREI, una scuola di ingegneria situata a Villejuif.

READ  Il velocista brasiliano Bruno Fratus si ritira dalle Olimpiadi di Parigi

“Abbiamo dovuto ricostruire la piscina da tutte le angolazioni affinché fosse così ''come se fossimo lì”, riassume Pla. Durante la tappa di Coppa del Mondo a Berlino nel 2023, poi lo scorso febbraio alla Coppa del Mondo di Doha, un team di studenti ha prodotto una prima raffica di catture per rappresentare l'ambiente tipico di una gara di tuffi. Il « test event » di questa settimana dovrebbe consentire di affinare la ricostituzione del Centro Acquatico e dei diversi scenari.

“Sarà un divario enorme. Passare dal grande silenzio prima di tuffarci nel gran rumore se ci siamo riusciti… »

Jules Bouyer, principale chance di medaglia francese con il suo compagno di squadra Alexis Jandard nei 3 metri sincronizzati

“La classifica che mostra una classifica buona o cattiva, lo sguardo dell'allenatore, il pubblico che incoraggia o che è deluso…, elenca Faten Chakchouk, insegnante che sta conducendo lo studio all'EFREI. La sfida tecnica non è delle più difficili perché è il nostro lavoro, dobbiamo soddisfare soprattutto le aspettative dell'allenatore e del mental trainer. » Quest'ultimo ha chiesto in particolare di enfatizzare gli effetti sonori – “il modo in cui risuonerà nella piscina” -, sapendo che raramente i tuffatori operano in atmosfere da Champions League.

Jules Bouyer, che formerà la coppia francese nei 3 metri sincronizzati con Alexis Jandard e rappresenta la migliore possibilità di una medaglia francese, ricorda di essere stato “scioccato” dalle mille persone sugli spalti dei Giochi Olimpici della Gioventù (2018), in Argentina… “Sarà un divario enorme, indovina pensando a questi Giochi casalinghi. Passare dal grande silenzio prima di tuffarci nel gran rumore se ci siamo riusciti… » Domare questo ambiente sarà una delle chiavi per voltare pagina ad ogni immersione, qualunque sia il suo esito.

READ  Julian Alaphilippe finalmente al via del Tour de France?

Qualche settimana fa, Clémence Monnery ha indossato le cuffie per giudicare il primo rendering, anche se si trattava solo di una bozza, soprattutto dal punto di vista sonoro. « È fantastico! » », dice, impaziente di testare V2, probabilmente la prossima settimana. La posta in gioco è immensa: “Chi ha esperienza, la prospettiva dei Giochi in casa lo galvanizza, spiega Cécilia Delage. Ma a molti è stato detto: ''Voi siete la generazione del 2024.'' È un’ingiunzione che dura da anni e alcuni si dicono: ''Adesso ci sono ed è meglio non perderlo'', quindi devi accettare questo incoraggiamento per avere successo. »

Jules Bouyer conferma: « Rischia avere molte persone lì per noi e questo può aggiungere pressione. Se non ti prepari, può essere drammatico. » La realtà virtuale deve dare una svolta concreta a tutto questo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *