Rémi Bonnet, detentore del titolo della Maratona del Monte Bianco: “Le corse, ce l’ho in me”



“Dopo aver vinto pochi giorni fa la Neirivue-Moléson (10,6 km per 1290 m di D+) proprio vicino a casa tua, ora sei atteso domenica alla Maratona del Monte Bianco, una mitica maratrail di cui sei il detentore del titolo. In che forma sei?
A Neirivue-Moléson la mia forma non era ottimale, ma è normale. Ho terminato la stagione scialpinistica un po’ in ritardo. Avevo bisogno di una piccola pausa e questa gara è stata il modo giusto per mettermi alla prova e vedere dove ero. Ero rassicurato. La Maratona del Monte Bianco è il mio primo grande evento della stagione. Sarò più fresco e punto alla vittoria ovviamente. Il mio obiettivo è sempre quello di fare altrettanto o meglio dell’anno scorso. So che mi aspettano, ma devi prendere questa pressione in modo positivo. Soprattutto perché conosco bene il corso, so di cosa sono capace. L’anno scorso ho battuto il record, so che la via mi si addice bene. Cercheremo di fare la stessa cosa.

Cosa ti ispira questa gara e che posto occupa nella tua carriera?
Quando ho iniziato era una delle gare che sognavo di vincere. Allora ho fatto una lista e vi figurava la Maratona del Monte Bianco. È una delle corse di montagna più leggendarie. E poi, è in programma per le Golden Trail World Series, quindi questo aggiunge un po’ di prestigio. E quando vedi il paesaggio e l’atmosfera… non è così in tutte le gare.

“La Maratona del Monte Bianco è il mio primo grande evento della stagione”

Non hai partecipato ai primi tre round del GTWS. Qual è la tua strategia e la tua ambizione per questa stagione su questo circuito?
Proverò a giocarmi il titolo anche quest’anno. Dato che ho vinto due volte di seguito, cercherò una terza incoronazione. Come si suol dire, mai due senza tre. Sicuramente ho fallito le prime prove ma secondo me non è troppo fastidioso. Quello che preferisco è essere in buona forma quando ci sono gare come la Sierre-Zinal (10 agosto) e quelle negli Stati Uniti (Headlands il 14 settembre a San Francisco e Mammoth il 22 settembre nella Sierra-Nevada), mi fanno sognare ancora un po’. Mentre le gare in Asia (Kobe Trail in Giappone e Four Sisters Mountain Trail in Cina) all’inizio della stagione… è un viaggio lungo e stavo finendo la mia stagione sciistica. Quindi non aveva senso per me andarci. Quindi mi servono quattro gare per la classifica, più la finale (Ascona-Locarno in Svizzera dal 17 al 20 ottobre), quindi andrà bene.

READ  Dalla scomparsa di Ayrton Senna il circuito di Imola ha cambiato volto

“Sono riuscito a vincere tutto per tre stagioni, in inverno e in estate”

Hai un profilo molto atipico, visto che raggiungi questi livelli d’estate nel trail running e d’inverno nello sci alpinismo. Qual è il tuo segreto?
All’inizio della mia carriera ho commesso l’errore di voler partecipare a molte competizioni. Ora seleziono altro. In inverno ho le mie Coppe del Mondo verticali e individuali, così come i Campionati del Mondo. E ormai sono tre stagioni che riesco a vincere tutto, in inverno e in estate. Penso di essere riuscito a gestire tutto bene. Mi prendo anche una pausa in primavera, con solo due o tre gare e un allenamento di base, ti aiuta a rilassarti un po’, così puoi essere concentrato al 100%.

“Per me le prime Olimpiadi (nel 2026) non saranno proprio “sci alpino”…”

IL scialpinismo è entrato nell’ovile olimpico e sarà presente nel 2026. Ne è molto soddisfatto o ha timori, in particolare che il suo sport possa perdere un po’ della sua anima?
Quando abbiamo ricevuto la notizia eravamo tutti felici. Andare alle Olimpiadi è il sogno di ogni atleta. Ma poi, quando abbiamo visto le discipline scelte (sprint e staffetta mista), eravamo tutti un po’ disillusi. Per noi snatura un po’ lo sport, non va nella direzione giusta. Lo vediamo (le CIO) stanno cercando di rimpicciolire tutto, come la mountain bike, dove vanno in giro e in giro… Non vogliamo davvero che diventi così. Le Olimpiadi vanno bene con l’obiettivo di professionalizzare la disciplina, gli atleti potranno guadagnarsi da vivere perché gli sponsor saranno interessati. Al momento non è così. Lì vivo correndo. Vedremo se la situazione potrà cambiare per il 2030. Faremo un po’ di pressione, ma alla fine non decidiamo noi, non abbiamo molto peso… Per me le prime Olimpiadi non saranno proprio « sci -alpi »… »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *