Riner, Marchand, Mayer, Agbegnenou… Dove sono le stelle francesi nella loro preparazione?


Tra cento giorni inizieranno i Giochi Olimpici di Parigi 2024. A tre mesi dal grande incontro estivo, RMC Sport fa il punto sui principali headliner della delegazione francese, da Teddy Riner a Victor Wembanyama, passando per Léon Marchand, Kevin Mayer e Clarisse Agbegnenou.

L'ultimo tratto prima della grande emozione. I Giochi Olimpici di Parigi 2024 inizierà esattamente tra cento giorni. Per due settimane, il mondo dello sport avrà gli occhi puntati sulla Ville Lumière. Davanti al loro pubblico, gli atleti francesi cercheranno di conquistare quante più medaglie possibili nella capitale, mentre il presidente della Repubblica Emmanuel Macron vuole vedere la Francia nella « top 5 » della classifica delle nazioni, come ha confidato lunedì su RMC e BFMTV. A tre mesi dall'inizio di queste Olimpiadi in casa, RMC Sport fa il punto sulla situazione delle principali stelle della delegazione francese.

Teddy Riner

Ha già vinto due titoli olimpici individuali (Londra 2012 e Rio 2016) e un altro titolo a squadre (Tokyo 2021). Ma Teddy Riner spera di aggiungere più oro alla sua collezione durante le Olimpiadi di Parigi. Un evento che il 35enne judoka (che vanta un totale di cinque medaglie olimpiche) sognava apertamente da diversi anni. In attesa di calpestare i tatami dell'Arena Champ de Mars, il colosso gudalupano si sta allenando duramente e limitando le sue presenze in gara. Recentemente ha vinto il Grande Slam di Antalaya all'inizio di questo mese a Türkiye. Spiegando che era un po' ottuso fisicamente.

Teddy RINER
Teddy RINER © Icon Sport

Leon Marchand

Questa è una delle principali possibilità di titolo per la delegazione francese. A 21 anni, Léon Marchand si è affermato come uno dei migliori nuotatori del pianeta. Soprannominato dalla leggenda Michael Phelps, il nativo di Tolosa si è fatto notare ai Campionati del mondo di Fukuoka lo scorso anno in Giappone, vincendo tre titoli individuali (200 farfalla, 200 misti, 400 misti). In attesa di scoprire la piscina della Défense Arena, attualmente si sta allenando negli Stati Uniti per prepararsi al grande incontro di Parigi 2024. Dopo aver impressionato durante le finali della NCAA con l'Arizona State University, il nuotatore da '1,87 m diventerà presto professionista, come annunciato dal suo allenatore Bob Bowman, che sarà al fianco della squadra francese durante i Giochi.

READ  Les Bleues du 3x3 negli Stati Uniti per la prima gara internazionale della stagione
Léon Marchand a San Antonio il 12 aprile 2024
Léon Marchand a San Antonio il 12 aprile 2024 © Sarah Stier / GETTY IMAGES NORD AMERICA / Getty Images via AFP

Victor Wembanyama

Ha conquistato tutti nella sua prima stagione in NBA. Nonostante le difficoltà di San Antonio, che ha concluso al penultimo posto la Western Conference (22 vittorie, 60 sconfitte), Victor Wembanyama ha fatto irruzione sullo schermo negli ultimi mesi con la maglia degli Spurs. Con i suoi contropiedi vertiginosi, la sua abilità sotto il cerchio, la sua disinvoltura dalla lunga distanza, i suoi passaggi nascosti e i suoi colpi spettacolari, il numero 1 dell'ultimo draft ha abbagliato gli americani. Quanto basta per dargli la massima fiducia quando arriverà il momento di virare verso le Olimpiadi con la squadra francese, che giocherà la fase a gironi a Villeneuve-d'Ascq, sperando di raggiungere l'Accor Arena di Bercy per le fasi finali. Scadenze che il gigante di Yvelines (2,24 m) potrà prepararsi con calma nelle settimane a venire.

Victor Wembanyama sorride tutti con i San Antonio Spurs
Victor Wembanyama sorride con i San Antonio Spurs © IconSport

Kevin Mayer

Ha già raggiunto il secondo gradino del podio olimpico due volte, a Rio (2016) e Tokyo (2021). Questa volta Kevin Mayer punta alla medaglia d'oro. Ma prima di pensarci, il nativo della Val-d'Oise (a nord della regione parigina) deve già qualificarsi per le Olimpiadi del 2024 Tre mesi prima della scadenza, il due volte campione del mondo di decathlon (2017, 2022) non l'ha ancora fatto. ha raggiunto il minimo richiesto per convalidare la sua presenza allo Stade de France (8.460 punti). Ostacolato da ripetuti problemi fisici, l'atleta 32enne si è dovuto arrendere a San Diego dopo la quarta gara (il salto in alto) del mese scorso in California. Nonostante questa situazione, il detentore del record mondiale (9.126 punti nel 2018) resta fiducioso e continua a credere nelle sue possibilità di partecipare ai Giochi davanti ai suoi tifosi. Ha ancora diversi appuntamenti davanti a sé per completare il suo ticket.

READ  Julian Alaphilippe si è infortunato durante le Flandriennes
Kevin Mayer durante i Campionati mondiali di atletica leggera a Budapest nell'agosto 2023
Kevin Mayer durante i Campionati mondiali di atletica leggera a Budapest nell'agosto 2023 © Icon Sport

Clarisse Agbegnenou

Dopo aver vinto due medaglie d'oro (individuali e di squadra) nella precedente edizione di Tokyo, dove era portabandiera insieme al ginnasta Samir Aït Saïd, Clarisse Agbegnenou vivrà un'Olimpiade speciale quest'estate a Parigi. La judoka 31enne potrà continuare a prendersi cura della figlia Atena (che avrà 2 anni) durante la competizione. Gli verrà messa a disposizione una camera d'albergo a Saint-Denis, vicino al villaggio olimpico. Abbastanza per deliziare la licenziataria di Champigny-sur-Marne, che attualmente sembra in gran forma, come la sua settima incoronazione al Grande Slam di Parigi lo scorso febbraio all'Accor Arena di Bercy.

Clarisse Agbégnénou durante il Grande Slam di Parigi, 3 febbraio 2024
Clarisse Agbégnénou durante il Grande Slam di Parigi, 3 febbraio 2024 © ICON Sport

Renaud Lavillenie

Anche lui non ha ancora ottenuto la qualificazione ai Giochi Olimpici di Parigi 2024. Dopo essere stato operato alla coscia lo scorso settembre, a causa della rottura parziale del tendine dei muscoli posteriori della coscia, Renaud Lavillenie ha ripreso gli allenamenti a fine inverno. Il 37enne saltatore con l'asta, campione olimpico a Londra nel 2012, ha superato le sue prime sbarre il mese scorso. Spera di riprendere le gare il 22 maggio nella sua roccaforte di Clermont-Ferrand e di raggiungere il più velocemente possibile i 5,82 metri, l'altezza richiesta per partecipare ai Giochi di quest'estate. Se così sarà, il suo nome sicuramente alimenterà le discussioni durante l'elezione dei portabandiera, che per la prima volta saranno scelti dagli stessi atleti francesi.

Renaud LAVILLENIE
Renaud LAVILLENIE © IconSport

Florent Manaudou

Per la sua quarta Olimpiade, Florent Manaudou proverà a vincere nuovi premi a Parigi. La nuotatrice 33enne, incoronata nei 50 metri stile libero a Londra nel 2012 e due volte medaglia d'argento (Rio 2016 e Tokyo 2021), si sta attualmente preparando in Francia. E il fratellino di Laure Manaudou (che è stato uno dei primi tedofori questo lunedì in Grecia) sembra molto sveglio. La sua associazione con Léon Marchand lascia intravedere grandi prospettive per le staffette francesi. È anche uno dei potenziali candidati per essere eletto portabandiera.

Florent Manaudou il 23 marzo 2024
Florent Manaudou il 23 marzo 2024 © Icon Sport



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *