Ritorno di campioni marziani: Boeing offre una soluzione


La NASA sta cercando un modo per recuperare campioni di roccia da Marte per meno dei DIECI miliardi di dollari di cui l’agenzia avrebbe bisogno secondo il proprio piano. Pertanto, il mese scorso, i leader della missione hanno lanciato un appello all’industria per presentare idee. Boeing ne ha appena proposto uno.

La NASA ha bisogno di aiuto

La missione Mars Sample Return della NASA, che mira a riportare i primi campioni marziani sulla Terra, è stata recentemente sottoposta a un'importante revisione volta a semplificarne l'architettura. Originariamente progettato con un rover di recupero dedicato e due lander, il piano è stato rivisto per fare affidamento direttamente su di esso Perseveranzagià sul posto, e richiede un solo lander.

Questo approccio semplificato mirava a ridurre la complessità e i costi della missione, garantendo al contempo il successo del ritorno dei campioni marziani sulla Terra. Tuttavia, nonostante questi aggiustamenti, il piano della missione resta invariato troppo caro con un budget oggi stimato in più di dieci miliardi di dollari. Inoltre, questo approccio non lo consentirebbe alla NASA recuperare i suoi campioni solo entro la fine degli anni ’30che potrebbe potenzialmente consentire alla Cina di chiudere la propria missione prima degli americani.

Di fronte a queste sfide, i leader della missione hanno annunciato il 15 aprile la loro intenzione di sollecitare proposte da parte dell’industria per progetti innovativi. L'obiettivo è riuscire a portare a termine la missione in tempi più brevi e con un budget inferiore. Boeing è la prima azienda a rilasciare dettagli su come tenterà una missione di ritorno su Marte.

READ  Se esistesse una civiltà extraterrestre, come dovrebbe essere annunciata all’umanità?

Un unico lancio

Concretamente, il concetto di base della NASA fino ad ora prevedeva due lanci. Il primo lancio prevedeva il lancio di un lander, a sua volta equipaggiato con un piccolo razzo per sollevare i campioni di razzi dalla superficie di Marte. Un secondo razzo avrebbe il compito di lanciare una navicella spaziale europea incaricata di incontrare il portacampioni messo in orbita attorno a Marte dal piccolo razzo, per poi riportarlo sulla Terra.

In questo caso, l’architettura proposta da Boeing, il principale appaltatore principale del razzo SLS, comporterebbe un solo volo del suo razzo. Nel dettaglio il piano prevede l'invio di un grande veicolo a due piani del peso di 25 tonnellate il cui obiettivo sarà atterrare su Marte. Un rover verrebbe quindi schierato per recuperare i campioni di Perseverance. Questi campioni sarebbero quindi posto nel secondo stadio (undici tonnellate) dotato di sistema di incapsulamento. Quest'ultimo sarebbe poi in grado di decollare dalla superficie, raggiungere l'orbita marziana, per poi ritornare sulla Terra da solo.

In termini di calendario, una missione del genere sarebbe lanciato nel 2034, atterrerebbe su Marte all'inizio del 2035 e passerebbe alcune settimane a trasferire i campioni nella capsula. Quindi il veicolo di ascensione verrebbe lanciato dal Pianeta Rosso e consegnerebbe i campioni nelle mani degli scienziati entro la fine del 2035.

sls artemis 1 boeing
La SLS decolla nel cielo da Cape Canaveral il 16 novembre 2022. Credit: Paul Hennessy

È davvero ragionevole?

Questo nuovo approccio sembra quindi attraente sulla carta. Permetterebbe infatti di ridurre il numero di lanci integrando tutti i veicoli necessari per questa missione in un unico razzo e di completare la missione entro la fine degli anni '30.

Tuttavia, questo concetto di un veicolo più grande è in contrasto con il pensiero condiviso dai funzionari della NASA il mese scorso. L'idea era infatti quella di sviluppare un lander più leggero e un razzo più piccolo nel tentativo di ridurre la complessità della missione. Inoltre, la questione dei costi è ancora irrisolta. Questo approccio non è stato ancora valutato finanziariamente. Tuttavia, l’utilizzo stesso di SLS rimarrebbe costoso. In effetti, un singolo lancio costerebbe probabilmente almeno due miliardi di dollari. Infine, la Boeing no nessuna esperienza diretta come primo appaltatore per una missione su Marte.

READ  SpaceX spingerà i limiti durante il terzo volo di prova della Starship

Per ora si tratta solo di un’idea sulla carta. La NASA esaminerà altre proposte nelle prossime settimane.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *