Roland-Garros: tribune scarse durante la semifinale Zverev-Ruud



La giornata si è conclusa meglio per Alexander Zverev solo per l'immagine del torneo parigino, o meglio del suo pubblico, buona parte del quale ha evitato la seconda semifinale, pacchetto impensabile in altri paesi dello Slam. L'introduzione del doppio biglietto nel 2017 avrebbe dovuto evitare l'illuminazione degli spalti dopo una lunga prima partita, come lo scontro durato più di 4 ore tra Carlos Alcaraz e Jannik Sinner venerdì. Aveva anche lo scopo di aumentare le entrate dei tornei. Ci sono però ancora ospiti dai palchi o dalle presidenziali che sfuggono e, cosa ancora più incomprensibile, spettatori paganti che si arrendono.

Cornet: “È un po’ triste”

Ritiratasi dopo aver giocato il torneo per l'ultima volta, Alizé Cornet si è commossa al microfono di France Télévisions: “ Volevo menzionare una piccola cosa che mi sta a cuore: vedere questi spalti mezzi vuoti, mi rattrista davvero. Per quanto riguarda la semifinale maschile del RolandGarros, sappiamo quanto siano difficili i posti da raggiungere per i veri amanti del tennis. Vedere gli spalti così alle 21.30 è un po' triste per il torneo e per gli appassionati di tennis. È una festa in tutti gli altri tornei del Grande Slam, in quel periodo gli spalti sono pieni, la gente è entusiasta di essere lì, quindi è un po' triste. »



Source link

READ  Pegula, Berrettini, Halep... Chi sarà assente al Roland-Garros 2024?

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *