Romain Langasque 9° nel BMW International Open, vincitore Ewen Ferguson



Sfortunatamente, Romain Langasque ha subito detto addio alle sue speranze di trofeo. Il francese, infatti, ha iniziato il suo quarto round con due rimesse laterali imprecise. Per prima cosa ha mandato un drive nel rough destro sulla buca numero 1, mentre sul par 3 2 il suo primo colpo è finito in un bunker, dietro il green. Il 29enne ha fatto rapidamente due spauracchi ma ha cercato di reagire, come questo birdie convalidato a 6.

Nessuna vittoria ma una top 10

Ma il vincitore dell’ISPS Handa Wales Open 2020 si è perso definitivamente dopo un triplo spauracchio, concesso a 10, a causa di un put in cui ancora una volta è scappato a destra. In seguito a questo errore, il Riviera è stato addirittura temporaneamente espulso dalla top 10. Tuttavia, Romain Langasque non si è arreso ed è riuscito comunque ad avanzare, raccogliendo tre birdie, a 11, a 15 e a 18. Nonostante il suo cartellino da 73, è riuscito per strappare il 9° posto (-12 in totale), insieme a Ross Fisher, Filippo Celli e Thomas Pieters.

Ferguson in controllo al ritorno

In cima alla classifica, la battaglia ha infuriato dapprima tra Jordan Smith ed Ewen Ferguson, entrambi al comando al termine di una giornata commovente. Poi, al ritorno, lo scozzese si è affidato alla precisione del suo gioco di ferro per segnare il suo quarto e quinto birdie della giornata, e scappare da solo in cima alla classifica. Solido fino alla fine, il 28enne ha poi accumulato quattro par di fila per assicurarsi un punteggio di 68 e confermare il suo terzo titolo nel DP World Tour. Inoltre, questo successo gli permette di ottenere il biglietto per il prossimo The Open, che si giocherà al Royal Toon dal 18 luglio.

READ  Quante medaglie dovrà collezionare la Francia ai Giochi Olimpici di Parigi 2024 per stabilire il suo record?

Una volta completata la 18esima buca, il nativo di Glasgow è scoppiato in lacrime, dopo un periodo di assenza dalla competizione per vertigini (era stato costretto al ritiro anche durante gli European Open): “ Onestamente, non posso crederci. Nelle ultime quattro buche mi sentivo come in un sogno, non pensavo che stesse succedendo davvero, era pazzesco colpire così bene. Volevo solo farlo per mio padre, mia madre, mia sorella e mio fratello a casa. Li amo così tanto e ogni scatto che suono, lo faccio pensando a loro. È uno sport difficilissimo, negli ultimi due mesi mi sono lamentato molto e sono stato anche malato. L’esenzione che ho ottenuto è un peso dalle mie spalle. »

Guerrier e Lacroix nella top 20

Ewen Ferguson ha vinto due punti davanti a David Micheluzzi e Jordan Smith (-16 in totale). Nella corsa fino alla fine della prima tappa (tre birdie, un bogey), l’inglese non è riuscito a tenere il passo nelle ultime nove buche (due birdie, un bogey) e si è dovuto accontentare di un punteggio di 70. Il suo connazionale Matthew Southgate e Connor Syme si classificano al 4° posto (-14). Rikuya Hoshino, Jens Dantorp e Matthis Besard sono sesti (-13).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *