Romane Ménager, terza fila dei Bleues: “Pienamente realizzato nel mio rugby”



“L’Italia è una squadra che regolarmente dà fastidio alla Francia. Che tipo di opposizione ti aspetti domenica a Jean-Bouin?
Ciò che definisce le squadre latine in generale è che amano produrre molto gioco e sono un po' imprevedibili. Fanno cose che davvero non ti aspetti. Mentre le squadre britanniche sono un po' più strutturate. Con due squadre latine di fronte, speriamo che ci sia molto gioco e che il risultato sia un'ottima partita.

Personalmente stai avendo un ottimo inizio di Torneo. Hai la sensazione che le squadre avversarie si stiano adattando difensivamente mettendoti più pressione?
Francamente è una cosa che non mi interessa molto. Mi ritrovo molto nel rugby in questa stagione e mi fa davvero molto bene. Se stringo un po' di più le difese voglio dire che è un po' il mio lavoro (sorriso). Tanto meglio se mi aspettano e se si concentrano un po' di più su di me, ciò lascerà spazio altrove. Lì mi sento pienamente realizzato nel mio rugby. Spero che continui con il secondo blocco.

“Sono in un anno in cui cerco di non farmi troppe domande, di divertirmi il più possibile. Mi sento ben circondato”

Complessivamente state proponendo una partita molto ambiziosa, con tanti scarichi, ma ci sono stati tanti sprechi nelle prime due partite…
Ci concentreremo davvero su questo questa settimana. Abbiamo acquisito molta fiducia giocando molto. Ora dobbiamo cercare di realizzarlo. Non potremo organizzare un torneo completo se ci limitiamo a giocare. Ci concentreremo davvero su questo nelle prossime settimane, sperando che il lavoro che abbiamo iniziato a fare questo fine settimana dia i suoi frutti.

Da giovedì, tre giocatori della squadra francese dei 7 (Anne-Cécile Ciofani, Joanna Grisez e Chloé Jacquet) si uniranno a voi. Cosa possono portarti?
Sono grandi lavoratori, arriveranno e impareranno correttamente il piano di gioco, non ci saranno problemi a integrare tutto molto rapidamente. Ovviamente ci porteranno tantissimo a livello fisico. Hanno grandi qualità atletiche. E sulla vita di gruppo non abbiamo dubbi: con loro andrà molto bene (sorriso).

“No, mi dispiace Marine! Non andrà più veloce di me. »

Romane Ménager, su sua sorella Marine

Giochi nella squadra francese con la tua gemella, Marine. Siete diventati entrambi leader del gruppo e titolari indiscussi. Misura i progressi che abbiamo fatto insieme?
È sicuramente un onore. Quando siamo in campo non ci rendiamo davvero conto, è una compagna di squadra come tutte le altre. Quando facciamo un passo indietro, sappiamo che è un’opportunità per poterlo condividere insieme. Cerchiamo di sfruttarlo il più possibile.

READ  Caroline Garcia abbattuta da Emma Raducanu, la Gran Bretagna torna sull'1-1 contro la Francia

Marine gioca tre quarti e tu sei un'attaccante: quindi tua sorella corre più veloce di te?
Beh no! Mi dispiace Marina (ridere). Non andrà più veloce di me. Lei ha qualità tecniche che io non ho e io ho qualità fisiche che lei ha meno. Giochiamo in posizioni diverse. Ma il centro e la terza linea non sono così distanti. Sono stati i nostri stili di gioco a far sì che io mi ritrovassi davanti e Marine più indietro. E tanto meglio perché almeno non c'è competizione o frustrazione con gli altri. Sappiamo che ognuno di noi è nel proprio ambiente, ognuno di noi porta la propria parte nella squadra. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *