Rosa, Champions League, amichevoli prestigiose… Éric Roy ha parlato della ripresa del Brest



Di umore vivace dopo il recupero Serio e rilassato con il suo gruppo di una ventina di giocatori, Eric Roy ha tenuto la sua prima conferenza stampa della stagione questo martedì a Guipavas. Ovviamente si è parlato di alcuni assenti (Lilian Brassier, Steve Mounié) e di Champions League, competizione che il Brest giocherà per la prima volta e alla quale il club bretone si preparerà dignitosamente, compresa un’amichevole contro la Juventus nel programma.

« Com’è andata la vacanza? »
Piuttosto buono ! Quando torniamo dalle vacanze, tutti hanno molta energia e sono ben riposati. È bello rivederci. La pausa e le vacanze fanno sempre bene, anche se alcuni dei miei giocatori mi hanno detto: “Alla fine delle due settimane devo ricominciare. » C’era un programma dal 14 giugno. Il desiderio era che riducessero e praticassero più sport. E poi avevano un programma individualizzato di recupero, in modo da non ritrovarsi a vuoto. Nel complesso, sono studiosi.

Lilian Brassier non era qui stamattina…
Sta per andarsene (a Marsiglia) ma non del tutto sparito. Se non si sblocca entro il giorno o domani, tornerà.

“Avevamo un gruppo omogeneo che dobbiamo allargare a 22, 23, 24 giocatori”

Hai già deciso il numero di assunzioni che vorresti avere?
Parlo molto con Greg, più volte al giorno. Abbiamo preso di mira le posizioni che volevamo avere. L’obiettivo è rafforzare la squadra. Avevamo un gruppo di 22 giocatori e 16 hanno giocato più degli altri. Avevamo un gruppo omogeneo che dobbiamo allargare a 22, 23, 24 giocatori omogenei con queste settimane di 2 partite. Il lavoro che abbiamo fatto la scorsa settimana è un lavoro diverso dal giocare ogni 3 giorni. Dobbiamo adattarci, dobbiamo avere una forza lavoro in grado di rispondere.

La questione dei diritti tv complica il mercato?
Non nel senso delle partenze, nessuno viene a prendere i nostri giocatori visto che non hanno soldi. Ora, è ovvio che vorremmo avere chiarimenti sulla situazione.

READ  Mauro Schmid nuovo leader del Giro di Slovacchia dopo la 4a tappa, Julian Alaphilippe 2° assoluto

« Ho sempre detto che Steve è un giocatore che voglio mantenere »

Steve Mounié e Martin Satriano non c’erano stamattina. La priorità è la posizione dell’attaccante?
È sempre una preoccupazione avere giocatori importanti per noi che non ci sono più. Ma non dimentico che la scorsa stagione, una settimana prima della fine del mercato, avevamo solo un lato destro e uno sinistro. I club come noi sono costretti ad adattarsi.

Per quanto riguarda Steve, ti sarebbe piaciuto continuare con lui?
Ho sempre detto che Steve è un giocatore che voglio mantenere. Si trova in un periodo della sua carriera (29 anni) in cui è costretto a pensare ad un progetto sportivo e finanziario. Non è qui che guadagnerai di più. Ma quello che ci aspetta è ancora super emozionante. Se ha offerte più grandi altrove, posso capirlo. Ci siamo sentiti due o tre volte durante le vacanze, gli ho detto: “Lascia che il tuo cuore ti conduca alla soluzione migliore”.

“Abbiamo 7 settimane di preparazione, è tanto tempo”

Cosa cambia la Champions League nel tuo approccio alla stagione?
Dal momento in cui giocherai nella più grande competizione europea, dovrai prepararti per affrontare questo tipo di club (Il Brest affronterà in amichevole la Juve, e forse il Napoli). Abbiamo sette settimane di preparazione, è molto tempo. Sei partite amichevoli. Cercheremo di prepararci al meglio per essere competitivi fin dalla prima giornata di Campionato. E poi guardiamo alla Champions League. Per il momento è abbastanza distante. Ma è ovvio che questo è il ritmo che dovremo saper assumere. Giocare domenica contro lo Strasburgo, mercoledì contro il Leverkusen e forse il fine settimana dopo contro il Nizza… E questo, è ovvio che per un club che non è abituato a ciò è complicato, e anche per i giocatori. Sta a noi prepararli di conseguenza e disporre di una forza lavoro sufficientemente numerosa per poter operare.

“Ritengo che se è lì (Grégory Lorenzi), è perché resterà lì”

E lo stage in Italia è una novità…
E perchè no ? (sorriso). Innanzitutto ci sarà uno stage sul territorio. E nella seconda parte della preparazione ci sarà un piccolo ritiro in Italia e giocheremo contro la Juve. Vogliamo tagliare la monotonia. Ciò contribuirà a spezzare un po’ la routine. Il desiderio di andare lì è incontrare avversari di ottimo livello ed essere in buone condizioni di lavoro. Se questo percorso di allenamento sarà scandito da due partite, ci avvicineremo alla verità. Sarà un’esperienza memorizzata.

Avete la certezza che Grégory Lorenzi sarà davvero il direttore sportivo del Brest per tutta la stagione?
No, non ho alcuna assicurazione. Non ho alcuna garanzia e non chiedo alcuna garanzia, in termini di giocatori, risorse, budget. Ritengo che se è lì è perché resterà lì. Non credo che abbia mai detto che se ne sarebbe andato.

Bradley Locko beneficerà del tempo libero dopo i Giochi?
Dipenderà se giocherà, il che non è certo. Guarderemo le sue partite, il suo tempo di gioco. Se andranno alla fine, sarà il 9 agosto. E’ comunque meglio avere un sostituto in questo posto, per il momento non ne abbiamo. Ci adatteremo. C’è ancora molta incertezza. Un club come il Brest è obbligato ad adattarsi al mercato. Non devi preoccuparti più di così.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *