Rovesciata dalla Spagna, la Francia viene eliminata dall’Euro



I Blues non vedranno Berlino. Rovesciati in quattro minuti dalla Spagna (1-2), dopo aver condotto 1-0 dall’inizio, nelle semifinali degli Europei questo martedì sera a Monaco, gli uomini di Didier Deschamps non hanno mai trovato le risorse per prendere in mano la partita. Sarà la Spagna a giocarsi il titolo domenica, contro l’Olanda o l’Inghilterra, avversarie mercoledì a Dortmund.

Abbiamo senza dubbio assistito al miglior inizio francese del torneo, con forse la stessa produzione offensiva nei primi venti minuti che dall’inizio della competizione. Gli spagnoli cercavano aria nella soffocante Allianz Arena e Jesus Navas era appena scampato all’espulsione per un contrasto incontrollato su Adrien Rabiot durante un’azione di porta. E, all’improvviso, Lamine Yamal è uscito dalla sua area (21esimo, 1-1). La brillante ispirazione dell’adolescente risuona tra le fila francesi.

Ancora sotto shock, quattro minuti dopo, i francesi tornano in acqua su un’incursione di Dani Olmo che, in agguato in area, cattura Aurélien Tchouaméni e aggiusta Mike Maignan (25esimo, 2-1), nonostante il ritorno di Jules Koundé. . In quattro minuti è svanito il vantaggio acquisito dopo il rapido vantaggio di Randal Kolo Muani con un colpo di testa (9°, 0-1), il primo gol dei Blues nella partita. Bisogna aspettare il 76′ e un recupero dalla destra di Theo Hernandez per vedere un’altra occasione netta.

READ  Holger Rune eliminato da Sebastian Baez nel terzo turno del Masters 1000 di Roma

Senza idea né varietà, in assenza di Antoine Griezmann negli undici (la prima volta nella fase a eliminazione diretta dal 2014), i francesi, sotto per la prima volta nel torneo, non sono riusciti a sfondare una difesa spagnola per quanto distesa e soprattutto ha perso a lungo la battaglia d’intensità a centrocampo, con l’Olmo ancora indifendibile tra le linee. Il triplo cambio allo scoccare dell’ora – ingressi di Camavinga, Griezmann e Barcola – non ha fatto la differenza, anche se la palla del pareggio ce l’aveva Mbappé (86esimo). Senza cornice. La storia di questo Europeo per la Francia, che quindi non giocherà la sua quarta finale importante dell’era Deschamps. Con sei vittorie in altrettante partite, la Spagna avrà l’opportunità, tra cinque giorni, di vincere il suo primo trofeo importante dal 2012.

2

Se la Francia ha segnato il suo primo gol in partita, fuori dal CSC, grazie a Kolo Muani, ha subito anche i primi due gol da un avversario. In una serata ha finalmente subito il doppio dei gol dell’intera competizione fino a quel momento (un rigore di Lewandowski).

Il giocatore: Yamal, un gioiello per la storia

Alla Roja è bastato un lampo di genio per uscire da un momento di grande debolezza, e il fulmine ovviamente è arrivato dal talentuoso Lamine Yamal. Al 21′, dopo una ribattuta di William Saliba, la perla del Barça ha ereditato il pallone dai 25 metri, prima ha cercato una soluzione di passaggio corto poi, vedendo che Adrien Rabiot non era in porta, ha lanciò un colpo luminoso a spirale da sinistra, che ha concluso la sua corsa sulla destra di un inerme Mike Maignan. Anche lui sbalordito, Yamal è andato subito a festeggiare con la panchina spagnola.

READ  Gli Edmonton Oilers ottengono Gara 7 contro i Vancouver Canucks in NHL

Questo gol lo rende il giocatore più giovane a segnare in una competizione importante, a 16 anni e 362 giorni. Supera un record vecchio di sessantasei anni e allora detenuto da un certo Pelé, marcatore per la prima volta ai Mondiali del 1958 con il Brasile contro il Galles (1-0). Già autore di tre assist in Germania, Yamal ha lavorato duro anche contro i Blues per cercare di limitare l’ascesa di Theo Hernandez ed è stato vicino a segnare un nuovo gioiellino, questa volta in movimento, all’81’.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *