Sasa Obradovic, allenatore del Monaco, dopo gara 3: « Se faremo di meno, daremo una possibilità » a Parigi



Sasa Obradovic (allenatore del Monaco, vincitore del Parigi nella partita 3 della finale) : “Che faccia avremo nella prossima partita? Mi sto chiedendo. Parigi è una città con molte distrazioni. Spero che questa volta abbiamo imparato la lezione. Con questo approccio, degno di una partita di Eurolega, possiamo dominare. Se facciamo di meno, daremo una possibilità a Parigi. Stasera è stata una partita incredibile in tutti gli aspetti. Abbiamo avuto movimenti di palla incredibili, abbiamo controllato bene i loro giocatori principali, i rimbalzi e i punti di gioco rapidi su cui vive questa squadra. Tutti hanno contribuito ed è stato un orgoglio allenare questa squadra stasera. (Sulla rimobilitazione dopo la sconfitta nella seconda partita) Ho ricreato il conflitto. Ho messo in dubbio l’orgoglio dei giocatori. Ero sulla loro schiena: « Non fare questo, non fare quello, non andare al casinò ». »

Jordan Loyd (terzino del Monaco): “Abbiamo fatto schifo in Gara 2, volevamo venire qui, fare lo sforzo, controllare quello che potevamo. Lo abbiamo fatto dall'inizio. Non dobbiamo nemmeno esserne contenti, dobbiamo giocare sempre così. Mercoledì dovrebbe essere così. Abbiamo fatto la differenza con la nostra aggressività. A volte dobbiamo mettere in pausa le partite e non possiamo permettercelo contro questo tipo di squadre. Siamo abituati a rispondere bene dopo una sconfitta. Sono più curioso di vedere come reagiremo dopo questa grande vittoria. Siamo stati attenti ai dettagli, abbiamo reso loro la vita difficile, cominciamo a conoscerli dopo tre partite. Vogliamo finire nella quarta partita. Dobbiamo tornare con la stessa mentalità: loro mercoledì saranno migliori, dovremo esserlo anche noi. »

READ  Novak Djokovic dopo il suo ingresso vittorioso nella competizione di Ginevra: “Una bella vittoria”

TJ Shorts (leader del Parigi): “Dovremo azzerare i contatori, guardare il video e trovare il modo di fare meglio. Sapevamo che si sarebbero rialzati dopo gara 2. Erano più fisici, più veloci, più bravi a rimbalzare… Erano superiori in tutti gli aspetti della partita. Questo ci ha ferito. Non possiamo farci prendere in giro in quel modo. Dobbiamo trovare un'altra energia per andare in gara 5. Le percentuali le vediamo e non abbiamo tirato, ma il merito va a loro. È una delle prime 4 squadre di Eurolega, la numero 1 in Francia. Nadir e io non abbiamo inserito le nostre inquadrature. Succede, ma quando ciò accade dobbiamo poter contare sulla nostra difesa, e non lo abbiamo fatto. »

Tuomas Iisalo (allenatore del Paris): “Congratulazioni al Monaco. Hanno giocato una partita davvero completa. Quando giocano così, è un compito enorme immaginare di batterli. Possiamo fare riprese migliori (33% indirizzo), controlla meglio il rimbalzo e difendi meglio. Non c’è stato alcun dibattito su chi fosse la squadra migliore. Abbiamo iniziato bene con un senso di urgenza. Abbiamo avuto buone occasioni ma non abbiamo saputo sfruttarle e dietro abbiamo rinunciato a tanti rimbalzi offensivi che hanno dato loro una seconda o addirittura una terza occasione. Dobbiamo analizzare questa partita e porci le domande giuste. Sì, le rotazioni e la profondità della squadra sono un fattore, ma non è l'unico. »

READ  Battuti in Nations League, i Blues si preparano ancora ai Giochi



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *