Sasa Obradovic: “Nessuno ci dice che stiamo facendo un buon lavoro”



Sasa Obradovic, allenatore del Monaco, si è qualificato per la finale di Betclic Elite dopo aver battuto il Bourg-en-Bresse nella partita 4 delle semifinali (71-76): “Non sempre ho trovato le associazioni di giocatori giuste. Ad ogni partita ci cade qualcosa in testa e dobbiamo compensare. Questa sera Mam Jaiteh ritorna e contribuisce senza aver svolto alcun allenamento in due settimane. Abbiamo giocato senza i nostri migliori giocatori per tutta la stagione. In questo momento Motiejunas non c'è, i nostri giocatori chiave non sono al meglio della loro forma. Spero che troveremo di nuovo un po' di ritmo per la finale. Se avessimo dovuto giocare un'altra partita contro questa squadra del Bourg, non so come avremmo fatto.

Stasera hanno fatto dei tiri difficili, non abbiamo attaccato molto bene. Matthew (Strazel) è stato molto bravo. E' un giocatore maturo, sa cosa fare, cosa chiedere a sistema, sa come comportarsi in campo. Ci permette di essere dove siamo oggi. È un sacco di matematica, processo decisionale in tempo reale. Ovviamente andremo a vedere la partita 5 tra Paris e Asvel ma dobbiamo preoccuparci soprattutto di noi stessi. (Sul Monaco che gioca la terza finale in tre anni) Credo che nessuno rispetti veramente questo risultato. Nessuno ci dice che stiamo facendo un buon lavoro. Ci sono molte altre cose che devono essere riconosciute prima. Stiamo facendo una stagione fantastica ma nessuno ce lo dirà. Promuoviamo il basket nel miglior modo possibile. »

Matthew Strazel, leader del Monaco: “È stato come l'anno scorso, anche se abbiamo vinto 3-0, ricordo che nelle ultime due partite abbiamo lottato per ottenere le vittorie. Questa è una squadra che si sta rafforzando. Rispetto. Sul 49-43 avrebbe potuto essere uno slancio per loro. Ci siamo fermati dopo questa corsa cercando gli errori, avvicinandoci a canestro. Questo è quello che fanno le grandi squadre. Eravamo solidi alla fine della partita. Sono felice. Ho un ruolo che cambia da una partita all'altra. Due giorni fa non avevo molte responsabilità, stasera si. È uno specchio della mia stagione, provo a rispondere quando me lo chiedono. Sono felice che siamo riusciti a farlo.

READ  Meijer LPGA Classic: Alison Lee in testa, Agathe Laisné 33esima, Céline Boutier 49esima

Tutti questi sforzi saranno inutili se non arriviamo fino in fondo. È la mia quarta finale in quattro stagioni (e tre titoli), non voglio farmi male agli occhi. È bello. Ci sono tre partite da vincere. Sono felice di essere arrivato alla fine. (Su Zaccharie Risacher) Era grandissimo, ho seguito tantissimo la sua stagione, era grandissimo in Eurocup, con percentuali pazzesche. Oltre a ciò ha avuto un impatto sulla sua squadra, è riuscito a essere un leader in campo, Freddy (Fauhoux) gli ha dato molta fiducia. (Sull'avversario in finale) Se giocassimo contro l'Asvel sarei molto felice, lì ci sono tante persone che conosco. Ma abbiamo perso contro il Paris nella Leaders Cup. Abbiamo una settimana per lavorare, recuperare, restare concentrati. Utilizzeremo questo tempo per superare Parigi o Villeurbanne. »

Frédéric Fauthoux, allenatore del Bourg-en-Bresse: “Nelle quattro partite ci siamo confrontati faccia a faccia con una grande squadra. Dalla Francia e dall'Europa. Anche con i nostri problemi, senza tutte le nostre armi. E' un vero orgoglio vedere i nostri ragazzi arrivare fino in fondo, giocando un ottimo basket. È apprezzabile, in un buono stato d'animo. È un gruppo che vorremmo avere ogni anno, con chimica e intesa. Contro il Monaco purtroppo non è bastato. Avremmo potuto fare la differenza, essere un po’ migliori, tirare qualche tiro in più. (Una stagione senza titolo per il Bourg) Credo che per vincere un trofeo bisogna mantenere la costanza, dovrai fare X anni così, un giorno ci sorriderà.

READ  Béatrice Edwige e il Ferencvaros campioni d'Ungheria davanti al Györ

Se vogliamo vincere, tutto deve essere allineato, ad esempio il sorteggio della Coupe de France. Non ricordo che non abbiamo vinto un trofeo. Abbiamo vissuto emozioni più che incredibili, fa parte del lavoro. C’è stata una condivisione vera, abbiamo visto sbocciare giocatori nella nostra squadra. Isiaha (Mike), penso anche a Zac (Risacher), che ci lascerà. Vorrei ringraziare il gruppo che lo ha accompagnato quest'anno. Non avevamo creato una squadra per lui ma con lui. Sono tanti i giocatori che hanno messo da parte il proprio ego, che lo hanno accompagnato, che gli hanno parlato. È un vero orgoglio per il mio staff aver creato un clima collettivo. È stata una stagione più che positiva. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *