Saul “Canelo” Alvarez conserva il titolo unificato dei pesi super medi contro Jaime Munguia



Chi considera Canelo (61 vittorie, 2 pareggi, 2 sconfitte) in declino farà notare che, per la prima volta nella sua carriera, la superstar ha disputato cinque incontri senza infliggere un ko. Altri noteranno che i superpesi medi (-76,2 kg) hanno ulteriormente macchiato il curriculum incontaminato di un pugile imbattuto e che nessun altro campione indiscusso ha difeso con successo i propri titoli quattro volte nelle cinture dell'era a quattro. Entrambi i gruppi dovrebbero almeno essere d'accordo sul fatto che ha nettamente dominato Jaime Munguia (44 incontri, ora una sconfitta), battuto all'unanimità dai tre giudici.

« Mi prendo il mio tempo, ho tanta esperienza”ha commentato Saul Alvarez, con il volto appena segnato. “Ho dodici round per vincere il combattimento. Ho fatto una buona prestazione e ne sono orgoglioso. Il mondo intero ha guardato i messicani stasera (SABATO). ''Lunga vita ai bastardi del Messico''! ».

Dopo un inno americano ben suonato da un gruppo di mariachi, il Cinco de Mayo obbliga, Munguia inizia essendo il più aggressivo. Aveva alle spalle buona parte della T-Mobile Arena di Las Vegas per questo primo Campionato del Mondo tra messicani di questa categoria. Ma a 33 anni, Canelo, geniale contropiede, ha ancora il mento, la difesa e la potenza per scoraggiare un battitore come il pugile di Tijuana.

READ  “Se il mio compagno e il bambino possono venire con me in viaggio, non dirò di no”: come Le Havre sostiene Laëtitia Philippe nella sua gravidanza

Canelo, il diritto di fare quello che vuole

Nel quarto round, ha sferrato un montante destro. Il suo giovane connazionale (27 anni) ha assaggiato il tappeto per la prima volta nella sua carriera. Si alzò velocemente ma il colpo lo raffreddò e l'aggressività scomparve in parte. “Mi sentivo bene all’inizio, stavo vincendo le gare. Ma è un combattente con molta esperienza. Purtroppo mi ha picchiato, fa male”ha ammesso.

“È forte ma è un po’ lento. Ho visto tutti i colpi arrivare », ha spiegato Alvarez, che non si è mai seduto tra un round e l'altro. In buone condizioni fisiche, aveva anche uno sguardo acuto. Secondo Compubox, il campione ha centrato il 43% dei suoi 536 tiri. Nel sesto, un enorme gancio al braccio anteriore ha rimandato indietro Munguia. Un colpo al corpo gli ha fatto abbassare la guardia nel settimo. Proprio alla fine del combattimento, una nuova sequenza frontale lo scosse. Abbastanza lontano da  » il cambio della guardia «  della boxe messicana, previsto dal suo promotore Oscar De La Hoya.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *