Scoperta della metà superiore della gigantesca statua di Ramses II


La metà superiore di una gigantesca statua dell'antico faraone egiziano Ramses II è stata scoperta vicino all'antica città di Hermopolis (ora el-Ashmunein), a circa 250 chilometri a sud del Cairo. Il grande pezzo di pietra, che misura circa 3,8 metri di altezza, raffigura il sovrano che indossa una doppia corona e un copricapo sormontato da un cobra reale.

Un faraone iconico

Ramesse II, noto anche come Ramesse il Grande, fu uno dei faraoni più iconici delAntico Egitto. Regnò per un lungo periodo, dal 1279 al 1213 a.C., diventando così uno dei sovrani più longevi della storia egiziana.

Uno degli eventi più importanti di questo periodo fu il battaglia di Kadesh (o Kadesh), un grande scontro tra le forze egiziane e ittite. Sebbene l'esito della battaglia rimanga controverso, Ramses II alla fine firmò l'accordo primo trattato di pace conosciuto con gli Ittitiponendo fine a decenni di conflitto.

Anche Ramses II era noto per essere un costruttore prolifico. Ha intrapreso importanti progetti di costruzione, il più famoso dei quali è stato il tempio di Abu Simbel, scavato nella roccia in Nubia. Le statue colossali che adornano l'ingresso del tempio sono tra le immagini più iconiche dell'antico Egitto.

A livello personale, Ramesse II aveva molte mogli e figli. Una delle sue mogli più famose fu Nefertari, la cui tomba è famosa anche per i suoi magnifici dipinti murali.

Dopo la sua morte, il corpo di Ramses II fu naturalmente imbalsamato secondo le tradizioni egiziane. Il suo stato di conservazione era così notevole che lo era ancora possibile riconoscere il suo volto nel 1881dopo la scoperta della sua mummia nel nascondiglio reale di Deir el-Bahari.

READ  non ne vedevamo uno così caldo nell'emisfero settentrionale da 2000 anni

Ramses II avrà quindi lasciato un'eredità duratura nella storia egiziana, sia attraverso le sue imprese militari che le sue realizzazioni architettoniche. La sua longevità al potere e la sua influenza avranno infatti contribuito a forgiare l'immagine di un leader potente e visionario.

Ramses II
La nuova statua di Ramses II, faraone che regnò oltre 3.200 anni fa. Crediti: Ministero egiziano del turismo e delle antichità

Nuova affascinante scoperta

IL recente scoperta della metà superiore di una statua colossale di questo antico re aggiunge una dimensione affascinante alla sua già impressionante eredità. Questo grande pezzo di pietra, misura approssimativamente 3,8 metri di altezzarappresenta il faraone che indossa una doppia corona e a copricapo sormontato da un cobra reale. Questo serpente è in realtà l'ureo, un potente simbolo nell'antica cultura egiziana.

L'ureo era un serpente velenoso, spesso un cobra, venerato in Egitto come protettore e simbolo di regalità. Era associato alla dea Wadjet, la dea protettrice del Basso Egitto, e la sua immagine era spesso usata per rappresentare la sovranità e il potere del faraone. La presenza dell'ureo sul copricapo del faraone simboleggiava quindi la protezione divina e la legittimità del suo potere.

Anche il retro della statua è decorato con geroglifici che glorificano i titoli del rerafforzando così il suo prestigio.

La parte inferiore della statua fu scoperta nel 1930 dall'archeologo tedesco Günther Roeder. L'unione delle due parti avrebbe formato un'imponente statua di circa sette metri di altezza. Questo ritrovamento vicino all'antica città di Hermopolis testimonia la portata delle rappresentazioni all'interno dei monumenti di Ramses II nell'antico Egitto.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *