Scoperta di una tavoletta unica che rivela i segreti della civiltà tartessiana


Gli archeologi spagnoli hanno recentemente fatto un'affascinante scoperta durante gli scavi a Casas del Turuñuelo, un antico sito tartessiano situato nel sud-ovest della Spagna. È stata infatti rinvenuta un'eccezionale tavoletta contenente antichi disegni di scene di battaglia e un alfabeto paleo-ispanico. Offre quindi nuove prospettive su questa misteriosa civiltà.

La civiltà tartessiana

La gente Tartesso, affermatosi nella penisola iberica intorno all'VIII secolo a.C., era rinomato per il suo elaborato sistema di scrittura. Situata principalmente nella regione dell'attuale Andalusia, questa misteriosa civiltà è spesso associata anche a ricchi giacimenti di metalli, in particolare oro e argento, che hanno dato origine a leggende di ricchezza e splendore.

Sappiamo anche che i Tartessi svilupparono una cultura avanzata, influenzata dai contatti con altre civiltà mediterranee come i Fenici e i Greciche si riflette nella loro arte, architettura e scrittura.

Tuttavia, nel IV secolo a.C., la civiltà tartessiana scomparve misteriosamente, lasciando poche tracce della sua esistenza. Le cause esatte di questa scomparsa rimangono sconosciute, anche se sono state avanzate diverse ipotesi, tra cui disastri naturali, invasioni o sconvolgimenti economici.

I rari resti rinvenuti, come iscrizioni e oggetti artigianali, continuano ad affascinare archeologi e storici che cercano di comprendere gli aspetti ancora oscuri di questa enigmatica civiltà, da qui l'interesse di questa recente scoperta.

Il tablet, misura quasi lungo venti centimetripresenta una sequenza alfabetica di ventuno segni incisi in scrittura paleoispanica. Purtroppo manca un frammento della lavagnetta, impedendo ai ricercatori di vedere la serie completa delle lettere.

Tavoletta
Un lato della tavoletta conteneva le lettere di un alfabeto. Crediti: JFiJ/CSIC

Cosa ci insegna questo tablet?

Oltre all'alfabeto, il piatto contiene incisioni dettagliate di tre guerrieri in pieno combattimento. Queste illustrazioni potrebbero essere un esercizio di disegno utilizzato dall'artista per affinare la sua arte prima di intagliare disegni simili su materiali più preziosi come oro, avorio o legno.

READ  Cos'è la sindrome di Marfan?

Questa ipotesi è supportato di Esther Rodríguez González, archeologa dell'Istituto di Archeologia di Mérida, che ha contribuito alla conduzione degli scavi. “ Questa scoperta “rappresenta un esempio unico nell’archeologia peninsulare e ci avvicina alla conoscenza dei processi artigianali di Tartesso, finora invisibili. »

I disegni presenti sulla tavoletta forniscono inoltre preziose informazioni sull'abbigliamento, sulle armi e sulle acconciature delle figure raffigurate, arricchendo così la nostra conoscenza dell'aspetto e delle pratiche culturali dei Tartessiani. Questo eccezionale ritrovamento permette di completare l'informazione storica su una civiltà che rimane ancora in gran parte avvolta nel mistero.

La scoperta di questa tavoletta a Casas del Turuñuelo rappresenta quindi un progresso significativo nell'archeologia e nello studio delle antiche civiltà. Apre nuove strade di ricerca sui Tartessiani e sul loro contributo alla storia della penisola iberica. Mentre gli scavi continuano, gli archeologi sperano di scoprire altri manufatti che potrebbero offrire ulteriori spunti su questa enigmatica civiltà.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *