Scoperta senza precedenti di una tenia marina fossile intrappolata nell'ambra


I fossili di creature antiche possono talvolta suscitare tanto perplessità quanto entusiasmo tra i ricercatori. Uno di questi, scoperto di recente, ha attirato particolare attenzione: una tenia marina, intrappolata nell'ambra per milioni di anni. Questa sorprendente scoperta, fatta nell'ambra Kachin del Cretaceo medio in Myanmar, ha sollevato molte domande su come un parassita marino possa essersi ritrovato conservato nella resina di un albero.

Un cestode del Cretaceo

Il fossile in questione è assegnato alla classe di cestodicomunemente chiamate tenie, e risale al 99 milioni di anni. I cestodi sono parassiti ampiamente distribuiti, presenti in quasi tutti gli ecosistemi, compresi ambienti marini.

L'ordine specifico a cui appartiene questo fossile è quello di tripanorincha che è noto per infettare principalmente squali e razze sotto forma di larve. Il loro complesso ciclo vitale, che coinvolge due ospiti e corpi molli, normalmente rende estremamente rara la loro conservazione nella documentazione fossile. Finora le uniche tracce di questi parassiti erano le uova trovate nel coprolite (escrementi fossilizzati) degli squali.

Ici, ambra Il Kachin (una forma specifica di ambra proveniente dalla regione Kachin del nord del Myanmar, Birmania) avrà consentito un'eccezionale conservazione delle caratteristiche esterne ed interne del parassita, compresi dettagli come il tentacolo e gli uncini.

tenia
Il tentacolo fossile della tenia rispetto a una specie esistente di tenia tripanorinchia. Crediti: NIGPAS

Come spiegare la sua presenza?

Oltre alla tenia, l'ambra contiene anche tricomi di felce, una ninfa di insetti e granelli di sabbia, suggerendo un ambiente costiero. Questi elementi suggeriscono anche che sia presente la tenia era sulla terra all'epoca era intrappolato nella resina, mentre l'estremità fratturata del fossile suggerisce che lo fosse strappato dal suo ospite.

READ  Sacrificati o caduti in battaglia? I 28 cavalli sepolti in Francia sollevano interrogativi

I ricercatori propongono un'ipotesi su come il parassita possa essersi trovato in questa situazione. Si ipotizza che l'ospite del parassita, probabilmente uno squalo o una razza, potrebbe essersi lavato su una spiaggia sabbiosa a seguito di forti venti o di un maremoto. Quindi, l’animale marino sarebbe stato attaccato da predatori o spazzini terrestri, liberando così il parassita dal suo intestino prima che rimanesse intrappolato nella resina di un albero vicino.

La scoperta di questa tenia marina intrappolata nell’ambra Kachin costituisce quindi un importante progresso per la paleontologia e la comprensione dei cicli di vita degli antichi parassiti. Sebbene rimangano molte domande sulle esatte circostanze della sua fossilizzazione, questa scoperta offre una visione unica dell’interazione tra gli ecosistemi marini e terrestri milioni di anni fa.

Continuando a studiare questi rari fossili, gli scienziati sperano di svelare ulteriori segreti sull’evoluzione dei parassiti e sul loro ruolo nei diversi ambienti.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Geologia.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *