Scoperto fossile di tartaruga gigante in Amazzonia


Un team di ricercatori dell'Università di Leiden ha fatto una scoperta straordinaria nell'Amazzonia brasiliana: ha dato il nome a una nuova specie di tartaruga gigante d'acqua dolce Peltocefalo matura. Il suo studio fornisce preziose informazioni sull'antica fauna della regione e sulla sua interazione con i primi abitanti umani.

Una delle più grandi tartarughe d'acqua dolce mai scoperte

Peltocefalo matura sarebbe vissuto alla fine del Pleistocene, ce ne sono in mezzo 40.000 e 9.000 anni. Esemplari di questa specie sono stati scoperti nella formazione del Rio Madeira dai cercatori d'oro nel sito della cava Taquaras a Porto Velho. Questa tartaruga gigante avrebbe raggiunto approssimativamente 1,8 m di lunghezza di carapace, rendendola una delle più grandi tartarughe d'acqua dolce mai scoperte.

Le analisi morfologiche e filogenetiche del fossile hanno rivelato somiglianze con le specie di tartarughe d’acqua dolce che attualmente vivono in Amazzonia. Sulla base delle caratteristiche del cranio e della mascella, i ricercatori hanno anche suggerito a dieta onnivora per questa antica specie.

Ciò che rende questa scoperta ancora più affascinante è che rappresenta l’ultima presenza conosciuta di tartarughe giganti d’acqua dolce.

Tortura matura del Peltocephalus
Confronto delle dimensioni di Peltocefalo matura con un essere umano. Crediti: screenshot YouTube/SenckenbergWorld

Quali interazioni con gli esseri umani?

Convivenza con primi abitanti umani dalla regione amazzonica solleva anche interrogativi sull’interazione tra questi due gruppi. Nel dettaglio, il sfruttamento eccessivo dei grandi mammiferi è riconosciuto come un fattore chiave nell'estinzione del megafauna Pleistocene nelle Americhe e in Australia. Tuttavia, se questo fenomeno ha colpito principalmente i megamammiferi, il suo impatto è aumentato grandi rettili quaternari è già stato discusso. A causa della rarità delle forme giganti nella documentazione del Quaternario, tuttavia, le tartarughe d'acqua dolce sono state ampiamente trascurate in queste discussioni. La scoperta di questa grande specie riapre quindi il dibattito.

READ  Gli astronauti di Artemis trasporteranno le piante sulla Luna

I primi esseri umani si stabilirono effettivamente nella regione già fa. circa 12.600 anni e queste grandi tartarughe probabilmente hanno costituito per loro una fonte di cibo fin dal Paleolitico. Tuttavia, non è chiaro se le tartarughe d’acqua dolce fossero cacciate attivamente dai primi esseri umani.

La scoperta di questa tartaruga evidenzia l’importanza di raccogliere più dati dai depositi del tardo Pleistocene e del primo Olocene nel bacino amazzonico. Una comprensione più profonda dell'interazione tra Peltocefalo maturai primi abitanti umani e l'ambiente dell'Amazzonia in questo momento potrebbero fornire informazioni cruciali sulla storia naturale della regione.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Lettere di biologia.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *