Scoperto in Cina un calamaro vampiro mai visto prima


Le profondità oceaniche riservano ancora molte sorprese ai ricercatori. Recentemente, un team di scienziati cinesi potrebbe aver identificato una nuova specie di calamaro vampiro (solo la seconda conosciuta al mondo). Questo calamaro vampiro (Vampyroteuthis infernalis) è un’affascinante creatura delle profondità marine e la sua scoperta potrebbe offrire nuovi spunti sulla biodiversità del nostro pianeta.

Un nuovo calamaro vampiro

Nonostante il suo aspetto inquietante e il nome evocativo, il vampiro calmo è uno spazzino innocuo che si nutre principalmente di detriti organici e piccoli invertebrati. Scoperto per la prima volta nel 1903 dal biologo marino Carl Chun, V. infernale è l’unica specie ufficialmente riconosciuta di questo genere fino a poco tempo fa, sebbene altre lo abbiano fatto storicamente esistito. I precedenti tentativi di identificare nuove specie sono infatti falliti, poiché questi esemplari si sono rivelati forme giovanili di V. infernaleda qui l’interesse di questa recente osservazione.

Nella rivista BioRxiv, un team di ricercatori descrive una potenziale seconda specie di calamaro vampiro, scoperta nel 2016 nel Mar Cinese Meridionale vicino all’isola di Hainan. Battezzato V. pseudoinfernalisquesta specie con un profilo genetico distinto sarebbe stata osservata a profondità comprese tra gli 800 ed i 1.000 metrinella zona crepuscolare dell’oceano dove la luce solare è rara.

Caratteristiche di V. pseudoinfernalis

Lo studio delle differenze morfologiche tra V. infernale e il potenziale V. pseudoinfernalis richiederà un’attenta analisi. I ricercatori hanno dovuto esaminare le caratteristiche fisiche dettagliate e distintive. Questa fase è spesso dispendiosa in termini di tempo, poiché comporta il confronto con numerosi campioni per garantire che le differenze osservate non siano dovute a variazioni individuali o errori di raccolta.

READ  L'oscura previsione di Eliezer Yudkowsky

Secondo queste analisi, V. pseudoinfernalis presenterebbe diverse caratteristiche distinte di V. infernale. Ad esempio, la posizione di due portacandeline (gli organi luminosi) tra le pinne e la coda è diverso. A casa di V. infernalequesti fotofori si trovano più precisamente ad un terzo della distanza tra le pinne e l’estremità del corpo, mentre in V. pseudoinfernalissi trovano a metà strada.

Più, V. pseudoinfernalis ha una coda appuntita, mentre V. infernale non ha. Infine, il becco del calamaro appena identificato presenta anche un’ala più lunga sulla mascella inferiore, un’altra differenza notevole.

V. pseudoinfernalis vampiro calmante
Vampyroteuthis pseudoinfernalis. A: vista dorsale. B: vista laterale. Barra della scala = 1 cm. Crediti: Qiu, Liu e Huang

I ricercatori continueranno a esplorare le profondità marine per comprenderne meglio l’ecologia e il comportamento V. pseudoinfernalis. È probabile che la sua dieta sia simile a quella di V. infernale, e che si nutre di materia organica in decomposizione e di piccoli invertebrati. La ricerca futura potrebbe rivelare ancora più sorprese su questa specie misteriosa e sugli ecosistemi degli abissi marini.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *