scoperto un nuovo strumento diagnostico meno invasivo


IL cancro del colon-retto colpisce il colon (intestino crasso) o il retto. È uno dei tipi di cancro più comuni in tutto il mondo. In Francia si registrano più di 47.000 nuovi casi all'anno e più di 17.000 decessi, affermandosi così come la seconda causa di morte per cancro in Francia. Nella stragrande maggioranza dei casi, inizia con un tumore benigno che poi lentamente progredirà fino a diventare canceroso. Buoni strumenti diagnostici sono quindi essenziali per identificare questi tumori e studiarne l’evoluzione. Pertanto, una svolta da parte dell’Edinburgh Research Institute e dell’Università di Glasgow offre speranza.

Infatti, per diagnosticare il cancro del colon in caso di sintomi suggestivi o di screening, i medici utilizzano la colonscopia e la biopsia. Si tratta tuttavia di procedure invasive che non sono esenti da rischi (soprattutto in caso di infezione). Inoltre, fornisce solo un quadro incompleto di ciò che sta accadendo nel corpo del paziente. In questo mese di marzo, dedicato proprio alla prevenzione e allo screening del tumore del colon-rettoI ricercatori scozzesi presentano un nuovo strumento diagnostico e di monitoraggio.

Una vista tridimensionale per monitorare il cancro del colon-retto

Per questo studio pubblicato su Clinical Cancer Research il 17 marzo, l’Università di Glasgow ha utilizzato la tomografia a emissione di positroni (PET), una tecnica di imaging medico praticata da specialisti di medicina nucleare utilizzata per rilevare e visualizzare i processi biologici e fisiologici nel corpo umano in tre dimensioni. Grazie alle emissioni prodotte dai positroni radioattivi preventivamente iniettati per via endovenosa, possiamo studiare l'attività metabolica o molecolare di un organo. Qui, questa tecnologia ha permesso di visualizzare completamente le viscere dei pazienti per esaminarli estudiare i tumori senza intervento chirurgico raccogliere tessuto tumorale per condurre ulteriori indagini.

READ  SpaceX potrebbe salvare la missione di ritorno dei campioni su Marte della NASA

L'iniezione di quello che chiamiamo il 'tracciante' effettuata durante la tomografia permette di visualizzare con precisione le zone di un organo dove le cellule sembrano più attive del normale. Ciò potrebbe consentire ai pazienti di ricevere il miglior trattamento per il loro cancro. Ne parliamo allora medicina di precisione : un campo medico in rapida espansione in oncologia dove l'uso delle nuove tecnologie lo rende possibileindividuare una strategia terapeutica che si adatterà al profilo di ogni paziente. Questa tecnica consentirebbe quindi di avere una visione chiara del possibile arsenale terapeutico e diesaminare il tumore nel suo insieme.

Per controllare anche l'evoluzione dei tumori cancerosi

Come afferma il dottor David Lewis, l’autore principale di questo lavoro: “ la medicina di precisione potrebbe potenzialmente rivoluzionare la diagnosi e il trattamento del cancro. Tuttavia, lo sviluppo di tecniche diagnostiche precise, informative e prive di disagio per il paziente è fondamentale per il suo successo. La tomografia a emissione di positroni offre un’alternativa promettente. » Inoltre questo metodo presenterebbe un ulteriore vantaggio. Il team scozzese ritiene che questa tecnica possa rendere possibile anche questo monitorare lo sviluppo e la progressione dei tumori. Diventa così possibile monitorare la progressione del cancro e l'impatto del trattamento durante tutta la sua durata, funzionando così come un chiaro dispositivo di controllo.

cancro delle cellule tumorali
Crediti: Vitanovski/iStock

Una tecnica per identificare diversi tipi di tumori

Durante la loro ricerca, gli scienziati sono stati in grado di utilizzare le informazioni genetiche precedentemente note sul cancro del colon-retto per identificare le caratteristiche specifiche di ciascun tumore utilizzando la PET. Hanno anche scoperto che l'uso di più traccianti invece di uno solo durante l'imaging consentirebbe distinguere tra diversi tipi di cancro del colon-retto nei topi in base ai loro geni. Tuttavia, i pazienti possono sviluppare varie mutazioni nel cancro e le mutazioni in geni come il gene KRAS, APC o TGFB mostrano tutte un firma molto diversa che può essere riconosciuta sull'imaging.

READ  La bioluminescenza è apparsa quasi 300 milioni di anni prima del previsto

I ricercatori ritengono quindi che l'identificazione del tipo di cancro basata visivamente con questa tecnica sulla firma delle mutazioni in questione suggerisca la possibilità di sviluppare un approccio terapeutico più personalizzato e rapido in base alle esigenze di ciascun paziente e del suo cancro, con una migliore prognosi di sopravvivenza e remissione.

Un'altra svolta contro il cancro del colon-retto a Marsiglia

In un comunicato del 14 marzo, l'Istituto Paoli-Calmettes (IPC) evoca un progresso significativo nel campo dello screening e nell'uso delle nuove tecnologie in gastroenterologia per una maggiore precisione ed efficienza. Come spiega il documento: “ la colonscopia aiutata dalle nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale, permette di segnalare la presenza di polipi e di individuare lesioni che il gastroenterologo non avrebbe visto. E una novità è che permette di caratterizzare i polipi differenziando i polipi infiammatori (il cui rischio di degenerazione è pari a zero) polipi adenomatosi (il cui rischio di degenerazione è di circa il 30%). »

Questa assistenza virtuale può quindi fornire un secondo sguardo vigile per aiutare i gastroenterologi a individuare polipi che altrimenti potrebbero passare completamente inosservati durante una colonscopia. Questo miglioramento di questo esame (effettuato con un endoscopio all'interno del retto, dell'intestino crasso e dell'estremità finale dell'intestino tenue) potrebbe quindi ottimizzare la prevenzione del cancro del colon-retto.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *