Se questa scimmia ha un grosso naso è proprio per compiacere queste signore


Piu 'grande e', meglio 'e? Nel mondo animale, questo è spesso il caso. E la scimmia proboscide, una scimmia in via di estinzione endemico del Borneo, non sembra discostarsi da questa regola. I maschi di questa specie sfoggiano infatti un naso grande, lungo, bulboso e cadente che a volte fa guadagnare a questo primate la triste distinzione di essere l'animale più brutto del regno animale. Ma cosa è successo nella loro evoluzione per far sì che sviluppassero una caratteristica fisica tanto sporgente quanto strana proprio al centro del loro viso? Secondo un recente studio pubblicato il 23 maggio 2024 sulla rivista Scientific Report, potrebbe comunque essere che lungi dall'essere una brutta esperienza, questo naso ingrato potrebbe addirittura rappresentare un vantaggio più che certo per queste scimmie che vivono nel sud – est dell'Asia.

Il naso a proboscide: antiestetico, ma con tanti vantaggi

Le scimmie proboscide sono primati arboricoli che vivono vicino a fiumi e foreste di mangrovie fangose ​​dove si nutrono principalmente di foglie. Lì alcuni vivono in grandi gruppi di una ventina di individui composti da un maschio circondato dal suo harem. Ci sono anche gruppi di maschi single che vivono insieme. In tutti questi maschi ritroviamo sempre la stessa caratteristica che il nome latino della specie, abbastanza giustamente, suggerisce: Larvatus nasalis. Il naso negli esemplari maschi è infatti particolarmente largoma perché esattamente?

Un team di ricercatori dell'Università Nazionale Australiana di Canberra ha cercato di estrarre i vermi dal naso utilizzando un'analisi più approfondita del cranio dell'animale. Aiutato da Scansioni 3D di 33 esemplari ottenuti da diverse collezioni di musei, hanno potuto effettuare misurazioni precise determinare la dimensione e la forma del cranio. Si sono anche preoccupati di confrontare queste misurazioni con quelle del Colobo policomoDi Cercopiteco mite e il macaco granchivoro (Macaca fascicularis), tre scimmie del Vecchio Mondo.

READ  benefici e funzionamento di questo trattamento tutto in uno
scimmia proboscide dal naso grosso
Confronto tra il cranio di un maschio (a sinistra) e quello di una scimmia proboscide femminile (a destra). Nel maschio, l'apertura nasale è 29% più largo di quello della femmina che differisce molto anche nelle forme. Crediti: Katharine Balolia et al./Morphosource Media, 2024

La prova che le dimensioni alla fine contano?

Queste analisi hanno permesso loro di scoprire che la dimensione marcata era la forma unica e più aperta della cavità nasale dei maschi si sono evoluti appositamente per consentire loro di effettuare chiamate più forti e dal tono più basso, in particolare per emettere ruggiti e strilli nasali. “ Essere in grado di effettuare richiami più forti e più bassi grazie a una cavità nasale più lunga e più ampia aiuta le scimmie maschi a farlo affermare la loro buona salute e il loro dominio », Dettagli Katharine Balolia, l'autrice principale dello studio che è anche antropologa presso l'università australiana dietro il lavoro.

Questo li aiuta a “ attirare le femmine e tenere a bada gli altri maschi. »E quanti più potenziali partner attraggono mostrando il loro status in questo modo, tanto più probabile sarà che avranno più figli. Gli scienziati suggeriscono comunque che questo naso, che si raddrizza e diventa più rigido quando viene emesso un grido, potrebbe farlo apparire visivamente attraenti per le donne alla ricerca di un compagno per riprodursi.

Una scimmia il cui naso cresce nel tempo e si adatta bene al suo ambiente

Nel loro studio i ricercatori non escludono l'importanza dell'ambiente qui. Pensano che la giungla intorno a loro debba essere presa in considerazione per spiegare la larghezza del loro naso. “ Le scimmie proboscide vivono nelle mangrovie costiere e negli ambienti forestali dove spesso possono avere difficoltà a vedersi attraverso gli alberi. Allora si sentono forti grida nasali importante per comunicare tra loro, soprattutto tra i maschi », spiega il ricercatore.

maschio scimmia proboscide (Nasalis larvatus) naso grosso
Crediti: kjorgen/iStock

Secondo questa ricerca anche i tessuti carnosi che circondano il naso sono diventati più grande nel tempo, rendendo così possibile emettere suoni chiari più facilmente. Anche la parte della cartilagine a cui è attaccata la carne diventa sempre più ampia con l'età. Questa analisi concorda quindi piuttosto bene con le osservazioni che suggeriscono che le scimmie proboscide più giovani con il naso più piccolo si raggruppano insieme tra individui singoli e che gli individui dominanti di mezza età si trovano a capo di un harem. In sintesi, questo ci permette di affermare che il naso agisce sia come forma di segnale visivo che acustico associato a uno status superiore.

READ  Uno studio rivela quali razze di gatti vivono più a lungo

Oltre a sollevare il velo sulle ragioni della sorprendente anatomia di questi animali, questo studio in ogni caso aggiunge un'ulteriore prova di ciò lo studio dei teschi può fornire molte informazioni su una speciee in particolare qui sul comportamento sociale di alcuni primati.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *