Sébastien Ogier evita problemi e allarga il divario ai vertici del rally portoghese



Durante una prova speciale, ha ceduto la guida del rally portoghese a Ott Tänak. Dopo aver approfittato dell'abbandono di Kalle Rovanperä ha commesso un errore nella seconda speciale questo sabato mattina, Sébastien Ogier ha ceduto il comando all'estone della Hyundai al termine della speciale più lunga del rally (Amarante, 37 km) per… due decimi.

Era solo per meglio riprenderli un'ora e mezza dopo, alla fine di questo giro di quattro volte. Nella PS13, Tänak ha subito una foratura lenta e ha perso quasi 14 secondi contro Ogier, ora leader con un margine di 13,6 secondi, un abisso sulla scala di un inizio estremamente serrato del rally nella top 5 di venerdì.

Ma questo sabato è avvenuta la grande pulizia, di cui la Toyota è stata la principale vittima. Kalle Rovanperä, leader e autore di un primo graffio mozzafiato per iniziare la giornata, ha commesso un errore nella seconda cronometro della giornata. La sua seconda uscita per quello che è solo il suo terzo rally in questa stagione. E durante l'evento successivo, è stato anche Takamoto Katsuta a commettere un errore, fermandosi lì per la giornata. Per quanto riguarda Elfyn Evans, ha continuato ad accumulare piccoli problemi ma ha riconquistato due posizioni (6°) grazie alle disavventure dei suoi compagni di squadra del TGR.

READ  Jimmy Briand ripreso dal collettivo “Rouge Direct” per i suoi interventi durante la giornata di lotta contro l'omofobia

Il piccolo errore di Neuville

Ciò ha beneficiato anche Thierry Neuville, Dani Sordo (entrambi Hyundai) e Adrien Fourmaux (M-Sport Ford) che hanno occupato il 3°, 4° e 5° posto in quest'ordine. Il belga ha comunque commesso un piccolo errore all'inizio della giornata, danneggiando l'anteriore destro della sua vettura e perdendo tempo nel resto del giro. Adesso è a 54'' dalla testa. Sordo è a soli 3''6 da lui mentre Fourmaux cerca di mantenere un ritmo sostenuto per sfruttare ogni minimo errore dei piloti che lo precedono. È 1'18 dietro Ogier.

Mattinata pazzesca anche per la categoria WRC2, soprattutto per i leader. Oliver Solberg (Skoda), in testa alla partenza sabato, è uscito di strada in curva dopo aver visto l'auto di Rovanperä tra gli alberi. Poi, alla fine del giro, è stato Yohan Rossel (Citroën), che aveva preso il comando, a subire una foratura, lasciando al comando Gus Greensmith (Skoda).

Questo sabato pomeriggio in programma lo stesso percorso di questa mattina, compresa la 37 km di Amarante, con il caldo e su piste a tratti solcate dopo il primo passaggio della mattinata.

READ  Ludovic Duée, capitano del Saint-Nazaire, campione francese: “Eravamo degli sfidanti, non una sorpresa”



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *