Shota Arveladze, il capocannoniere di tutti i tempi della Georgia: « All’estero sei il volto del tuo Paese »



Ha segnato 26 gol (in 61 presenze, tra il 1996 e il 2008), nessuno ha fatto meglio con la maglia della Georgia, anche se Khvicha Kvaratskhelia (16 gol in 33 presenze) e Georges Mikautadze (13 gol in 28 presenze), entrambi 23enne vecchio, dovrebbe superarlo un giorno. Ha goduto del successo all’Ajax (1997-2001) o dei Glasgow Rangers (2001-2005) e dello stesso dovere di rappresentare il suo (piccolo) Paese, popolato da appena 3,7 milioni di abitanti. Seduto allo Stamba Café, locale alla moda della capitale Tbilisi, Shota Arveladze (51 anni) ci ha tracciato un parallelo tra il suo ruolo di grande protagonista della selezione, all’epoca, e quello di “Kvara”, attuale star del Napoli.

Poco prima dell’Euro aveva addirittura previsto un possibile Qualificazione della Georgia agli ottavi di finale, tra i migliori gironi terzi: “ Un torneo non è una maratona, dovrai essere bravo per due settimane. Abbiamo un buon centrocampista, la Turchia (1-3) è una squadra molto emotiva e può avere brutte giornate, i cechi (1-1) sono ben organizzati ma non sono tra i favoriti e l’ultimo scontro potrebbe essere contro un Portogallo già qualificato (2-0)…»

È una pressione dover rappresentare il proprio paese all’estero?
La pressione non è legata ai gol che devi segnare, è il tuo lavoro e il motivo per cui sei stato ingaggiato. Allora ero troppo giovane per capirlo, ma cerchi di dare il meglio di te, essendo più gentile, più calmo, più generoso di quanto sei normalmente.

La gente ti riconosce ancora per strada?
Ovviamente mi fermano: “Ah Shota, è fantastico quello che hai fatto, sei un eroe, un bravo ragazzo”. La gente mi chiede anche: “perché l’hai detto l’ultima volta, perché ti sei comportato così?” La fama non è sempre facile da gestire, anche per Messi è difficile.

“Khvicha è l’eroe della sua generazione, motiva milioni di persone”

È difficile essere la star in una selezione leggermente più debole?
Quando indossi la maglia di club come Real, Barça, Inter, ad esempio, metti il ​​tuo nome così in alto che alimenta molta speranza nel tuo Paese. Khvicha è stato votato miglior giocatore della Serie A (nel 2023) quindi, ovviamente, la gente si aspetta di più da lui ».



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *