“specchi” per abbassare la temperatura delle case


In tutti e quattro gli angoli del globo, le popolazioni si trovano sotto la minaccia di ondate di caldo sempre più intense e frequenti. Una organizzazione no-profit tenta una sfida ambiziosa: utilizzare gli “specchi” per abbassare la temperatura all’interno delle case.

Ridurre la temperatura di 6°C utilizzando gli “specchi”

L’aumento delle ondate di calore pone a rischio per la salute pubblicabenessere, ma anche sulla sicurezza alimentare e l’acqua globale. Poiché le temperature superano regolarmente i record di calore, l’organizzazione no-profit Specchi per il riequilibrio energetico della Terra (MEER) tenta di agire per limitare questi effetti indesiderati. Per fare ciò, utilizza pannelli che incorporano un rivestimento altamente riflettente realizzato con materiali riciclati. L’obiettivo? Abbassare la temperatura interna delle case più di 6°C aumentando l’albedo, la quota di radiazione solare ritornava nell’atmosfera.

Secondo i responsabili del progetto, l’obiettivo è quello di avviare un mezzi di adattamento alle condizioni del riscaldamento globale.

copertura del tetto 2
Crediti: Specchi per il riequilibrio energetico della Terra (MEER)

Un sistema rivolto principalmente alle popolazioni svantaggiate

Per il momento il progetto è solo agli inizi, ma ha già cambiato la vita di alcuni residenti. Ricordiamo che a Freetown, capitale della Sierra Leone dove attualmente ha sede MEER, non meno di mezzo milione di persone vivono in baraccopoli o in aree degradate e sovraffollate. Inoltre, la maggior parte delle case sono realizzate in lamiera ondulata, che con il tempo si consuma, arrugginisce e col tempo intrappola il calore. In altre parole, l’aumento delle ondate di calore è doppiamente insopportabile e pericoloso per i residenti. In generale, i paesi in via di sviluppo situati a determinate latitudini, in particolare quelle tropicali, sono in prima linea. Pertanto, l’organizzazione cerca non solo di trovare soluzioni più efficienti, ma anche più economiche e modulari.

READ  Perché sabato scorso si sono estinti i monumenti di tutto il mondo

Dovresti però sapere che il fenomeno dell’albedo è noto da molto tempo e integra già diverse modalità rinfrescare l’alloggio. Ad esempio, alcune località dei paesi del Mediterraneo come la Spagna e la Grecia ospitano molte case bianche. Tuttavia, utilizzare tali vernici ai tropici non è una buona idea perché a causa dell’umidità e della polverele pareti si sporcano velocemente.

Infine, anche i pannelli dell’organizzazione MEER sono stati progettati per integrarsi nelle aree agricole. L’obiettivo sarebbe quello di ridurre l’evaporazione delle acque sotterranee, ma anche di proteggere le colture in modo più efficace contro la siccità. Dopo la Sierra Leone, MEER prevede di recarsi in India per il suo prossimo progetto, un paese afflitto da ondate di caldo, sovrappopolazione e povertà.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *