Squalificati i primi quattro classificati della mezza maratona di Pechino



Le cortesie fatte dai tre corridori in testa – il keniano Willy Mnangat, il connazionale Robert Keter e l'etiope Dejene Hailu Bikila -, rallentando e segnalando al cinese He Jie di sorpassarli poco prima del traguardo della mezza maratona di Pechino, domenica 14 aprile, aveva gridato. Di fronte al sospetto di frode, gli organizzatori della gara hanno aperto un'indagine.

Willy Mnangat si è spiegato bene alla BBC, che tutti e tre erano « lepri » (leader del ritmo) responsabili di aver aiutato He Jie a battere il record nazionale, e che non capiva perché i loro pettorali non lo indicavano, i corridori sono stati tutti e quattro squalificati questo venerdì.

Trofei, medaglie e bonus ritirati

Il comitato organizzatore ha confermato che i tre corridori africani erano « lepri », ma ha spiegato che non erano stati dichiarati tali da nessuno dei partner societari della corsa. Ha detto che si sentiva “profondamente colpevole” non avere “rilevato e corretto” questo problema in tempo e lo ha presentato “le più sentite scuse”.

Ai quattro corridori sono stati ritirati trofei, medaglie e bonus.



Source link

READ  Olympiakos frustrato, la Fiorentina resiste nell'andata di Europa Conference League

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *