Studentessa molestata sessualmente implora #Metoo in ospedale


Nel bel mezzo di un movimento #Metoo in ospedale, un'ex stagista medica ha testimoniato su BFMTV questo lunedì, 15 aprile, delle molestie sessuali subite durante uno stage a Parigi. Spera che le parole delle vittime continuino a essere liberate.

« Non siamo sorpresi. » Meno di una settimana dopo la accuse della specialista in malattie infettive Karine Lacombe sulle azioni del medico d'urgenza « predatore » sessuale Patrick Pelloux, la parola si libera nell'ambiente ospedaliero. Ex vittime di molestie sessuali testimoniano sui social network o con del sindacato dei tirocinanti ospedalieri di Parigi.

È il caso di Émilie*, ex stagista negli ospedali di Parigi. Durante uno stage al quinto anno di medicina in un reparto di chirurgia ortopedica, la giovane è stata molestata sessualmente da un medico.

« Mentre stavo appena iniziando questo tirocinio, un supervisore ha iniziato a prendermi da parte per farmi direttamente domande personali », ha ricordato per la prima volta su BFMTV. « Mi ha chiesto se ero single prima di chiedermi il mio nome. »

« Niente sorprese »

Poi, «dopo le parole, sono seguiti i fatti». Émilie ha poi spiegato: « Le mie cosce erano colpite, mi dava una pacca sulla coscia, poteva toccarmi di sorpresa la schiena la mattina per salutarmi, poteva afferrarmi il polso con forza quando mi rifiutavo di seguirlo a colazione. pranzo. »

Secondo lei, il suo caso è tutt'altro che isolato nell'ambiente ospedaliero. « Non ci sono sorprese », si è rammaricata sulla nostra antenna. « Non siamo sorpresi. Dire che non esiste è nascondere completamente la verità. »

Prima di continuare: « È accettato, è permesso. Spero che, grazie all'intervento della professoressa Karine Lacombe, non sarà più così. Penso che fosse necessaria una voce forte per avviare il movimento che si sta creando ».

Storia 2: #MeToo Hospital, le lingue si sciolgono – 15/04
Storia 2: #MeToo Hospital, le lingue si sciolgono – 15/04

Da mercoledì – e la pubblicazione dell'inchiesta Partita di Parigi dove il capo del reparto di malattie infettive dell'ospedale Saint-Antoine (Parigi) ha accusato il medico d'urgenza dei media Patrick Pelloux di « molestie sessuali e morali », ciò che confuta – le testimonianze si sono infatti moltiplicate online sotto l'hashtag #Metoohopital.

READ  Controlli sanitari nei ristoranti e negli snack bar situati attorno ai siti olimpici

Un sondaggio dell’Associazione nazionale degli studenti di medicina (Anemf), realizzato nel 2021, mostrava già l’onnipresenza di questa violenza: il 38,4% degli studenti di medicina ha dichiarato di aver subito molestie sessuali durante il tirocinio ospedaliero, il 49,7% di “commenti sessisti”, e il 5,2% di “gesti inappropriati”, mani sulle natiche, toccamenti e altri “gesti sessuali”.

“Un certo numero di medici indulge in un comportamento inappropriato, poiché non è mai stato denunciato, le cose sono continuate”, ha concluso amaramente Émilie.

* Il nome è stato cambiato.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *