Sud Sudan: storico primo derby casalingo contro il Sudan


Questo derby tra Sud Sudan e Sudan, due nazioni legate dalla loro complessa storia, sarà più di un semplice incontro del Gruppo B delle qualificazioni alla Coppa del Mondo 2026. Sarà una partita memorabile e un evento fondamentale sia dentro che fuori dal campo, che lascerà un’eredità positiva per entrambi i nostri Paesi. », immagina Victor Lual, segretario della Federcalcio del Sud Sudan.

Questo sarà il quarto derby della storia tra il Sudan, il paese portabandiera del calcio africano, e il Sud Sudan, il paese più giovane al mondo dalla secessione del 2011. Le prime tre partite, giocate all'estero, si sono concluse con una sconfitta a reti inviolate. durante la Coppa delle Nazioni CECAFA 2015 e in un'amichevole nel 2022.

Ma dal 15 aprile 2023 il Sudan, uno dei paesi più poveri del mondo, è dilaniato da una violenta guerra civile, definita dalle Nazioni Unite come “ uno dei peggiori disastri umanitari, la peggiore crisi di sfollati e presto la peggiore crisi alimentare nel mondo « . Tutto è fermo in Sudan, dove giocare a calcio è diventato impossibile: la Nazionale è costretta all'esilio, come i due club storici dell'Al-Merreikh e dell'Al-Hilal Omdurman che l'anno prossimo parteciperanno al campionato mauritano.

Trovare nello stesso girone di qualificazione ai Mondiali del 2026 Sudan e Sud Sudan, due Paesi in guerra tra loro fino a una ventina di anni fa, è quindi una sorpresa per il giornalista mauritano Lassana Camara. “ È molto importante per il futuro che lo sport possa essere il collante affinché questi due popoli si rispettino, giochino insieme, ridano insieme, ballino insieme », sviluppa il caporedattore di AfricaFootUnited.

La Nazionale più giovane del mondo

Perché prima del 2011, il Sudan ha represso il desiderio di indipendenza del Sud durante tre dolorosi decenni di guerra civile. Ma Khartoum è stata la prima a riconoscere la secessione del Sud Sudan l’8 luglio 2011, contribuendo alla normalizzazione e alla pacificazione dei rapporti tra i due Stati.

167e

Posizione del Sud Sudan nel ranking FIFA

Il riconoscimento del Sud Sudan come membro della CAF e della FIFA nel 2012 ha consentito l'organizzazione di incontri sportivi con il vicino sudanese. Ma la selezione sud-sudanese, nata appena dieci anni e che dispone di risorse molto limitate, ristagna nel ranking FIFA, figurando al 167esimo posto (su 210 paesi).

Al di là delle difficoltà materiali e della mancanza di infrastrutture, l'allenatore francese del Sud Sudan, Nicolas Dupuis, deve fare i conti con giocatori che spesso non è a sua disposizione a causa dei costi di trasporto: tre quarti dei convocati sono espatriati a causa guerra civile tra il 2013 e il 2020, e mentre la maggioranza gioca in Kenya e Uganda, alcuni giocano anche in Australia, negli Stati Uniti o in Corea del Sud. “ Forse inizieremo ad allenarci solo due o tre giorni prima della prima partita contro il Togo mentre i sudanesi hanno fatto un mese e mezzo di allenamento », deplora Nicolas Dupuis. Ma il tecnico 56enne, che ha allenato la selezione malgascia dal 2016 al 2023, rimane paziente e indulgente per aiutare questa giovane squadra a crescere.

Infantino presente per l'inaugurazione del nuovo stadio di Juba

Segno dello sviluppo del calcio nell'Africa orientale, il derby si svolge nel nuovo stadio di Juba, capitale del Sud Sudan. Il recinto da 7.000 posti, la cui ristrutturazione è stata finanziata dal programma “FIFA Forward”, permette ai Bright Stars di ospitare partite internazionali nel loro paese per la prima volta dal 2019. E anche il capo della FIFA, Gianni Infantino, sarà presente nello stadio. rappresenta questa partita storica.

READ  Sfida: Gloucester si unisce agli Sharks nella finale

« Spero che ci sia un 12esimo uomo molto importante che ci aiuti a colmare il nostro deficit tecnico rispetto ai sudanesi », spiega Nicolas Dupuis. L'allenatore dei Bright Stars dall'ottobre 2023 scopre quotidianamente l'entusiasmo popolare per il calcio in Sud Sudan, nonostante il basso livello del campionato locale. Vuole soprattutto che questa partita sia una grande festa tra i tifosi dei due Paesi, senza eccessi.

Andrebbe oltre l’aspetto sportivo, sarebbe uno straordinario terremoto di gioia. Anche pareggiare contro il Sudan sarebbe una vittoria per loro. »

Lassana Camara, giornalista, su una potenziale vittoria del Sud Sudan

Dopo le prime tre giornate di qualificazione ai Mondiali del 2026, il Sudan, 127esimo nel ranking FIFA, guida il Gruppo B con 7 punti, davanti a il Senegal, quando il Sud Sudan è penultimo con 2 punti. Una vittoria per gli uomini di Nicolas Dupuis contro i Coccodrilli del Nilo sarebbe quindi eccezionale. “ Andrebbe oltre l’aspetto sportivo, sarebbe uno straordinario terremoto di gioia e di immenso orgoglio per il Sud Sudan, nota Lassana Camara. Anche pareggiare contro il Sudan sarebbe una vittoria per loro. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *