Sul lato nascosto della Luna, la Cina deve risolvere questo mistero


La missione cinese Chang'e-6, che mira a raccogliere campioni dal lato nascosto della Luna, cerca di esaminare le teorie che possono spiegare le discrepanze tra i lati vicino e lontano del nostro satellite naturale.

Lo spessore della crosta lunare

Lanciato il 3 maggio, il missione Chang'e-6 prevede di atterrare nel bacino d'impatto dell'Apollo Double Ring all'inizio di giugno. Questa depressione si trova all’interno del bacino più grande, Polo Sud-Aitken (SPA), la più grande traccia di impatto conosciuta nel sistema solare.

L'obiettivo principale della missione è quello di rapporti sulla Terra circa due chilogrammi di campioni lunare proveniente dal lato lontano. In caso di successo, sarebbe la prima volta. L’analisi di questo materiale potrebbe poi dirci di più sulla storia del nostro satellite.

Le disparità tra il lato vicino e quello lontano della Luna hanno incuriosito gli scienziati per decenni. Mentre il lato vicino è caratterizzato da vaste distese di pianure vulcanicheil lato opposto ha a copertura molto più limitata di queste formazioni geologiche. Questa distinzione ha dato origine a numerose teorie, una delle quali lo suggerisce lo spessore della crosta lunare potrebbe essere un fattore determinante.

Secondo questa ipotesi, la crosta più spessa della faccia nascosta della Luna avrebbe ostacolato la risalita del magma in superficie, limitando così l'attività vulcanica. Questa idea si basa sui dati raccolti dalla missione GRAIL della NASA, che hanno rivelato una crosta in media più spessa di 20 chilometri sul lato opposto rispetto a quello più vicino.

chine lune Chang'e 6
La scala del bacino Polo Sud-Aitken è immensa. Crediti: NASA Goddard

La promessa di Chang'e-6

Tuttavia, l’osservazione dei bacini SPA (Polo Sud-Aitken) e Apollo, entrambi situati sulla faccia nascosta della Luna, sembra contraddicono questa teoria. Nonostante la profonda penetrazione di questi bacini nella crosta lunare, la loro attività vulcanica è infatti relativamente limitata. Questa contraddizione suggerisce che altri fattori potrebbero essere in gioco.

READ  Se il tuo Labrador è grasso, potrebbe essere a causa della genetica

Tra questi potenziali fattori, la composizione chimica della crosta lunare e la sua presenza elementi radioattivi vengono spesso menzionati. In particolare, è possibile che la faccia vicina della Luna contenga una maggiore quantità di elementi radioattivi, come uranio e torio, il cui decadimento avrebbe potuto generare calore. Quest'ultimo avrebbe poi contribuito alla parziale fusione del mantello lunare e ad una maggiore attività vulcanica sul lato vicino.

La missione Chang'e-6 potrebbe quindi aiutare a risolvere questi enigmi recuperando campioni di materiali lunari nella regione del bacino Apollo. La loro analisi consentirà agli scienziati di comprendere meglio i processi magmatici sul lato nascosto della Luna e di confrontare i risultati con i campioni del lato vicino riportati dalle missioni Apollo.

In breve, la missione Chang’e-6 promette di far progredire la nostra comprensione della Luna e della sua storia geologica, aprendo nuove prospettive sull’esplorazione spaziale e sulla ricerca scientifica.

Questo articolo è stato oggetto di uno studio pubblicato sulla rivista Lettere di scienze della Terra e Planetarie.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *