Tadej Pogacar, Maglia Gialla del Tour de France: “Non ho paura di nessuno”



Collegato in videoconferenza questo lunedì pomeriggio, giorno di riposo, Tadej Pogacar ha “affrontato” una sessantina di giornalisti dopo un giro in bicicletta e un buon caffè trovato dal compagno di squadra Nils Politt a Orléans. Ma il giorno dopo della tappa di Troyes dove non è riuscito a superare i suoi rivali, ha sottolineato ancora una volta la riluttanza del suo avversario numero 1, Jonas Vingegaard. I due sembrano essere impegnati nella stessa guerra psicologica.

“In questo periodo, l’anno scorso, tu e Jonas eravate molto vicini in classifica. Ma Jonas ha detto questa mattina (lunedì) che non era lo stesso scenario…
L’anno scorso era davvero fiducioso per la fine del Tour e ora penso che stia giocando allo stesso modo. Sta cercando di avere quella fiducia per l’ultima settimana. Ma devo dire che la cosa non mi dà fastidio perché quest’anno ho anche molta più fiducia in me stessa. Mi piace come è andato tutto finora, ho la maglia gialla che mi fa bene e sto correndo la mia gara. Dovrei avere buone gambe la prossima settimana, ma anche la settimana scorsa.

Cosa ti sei detto durante la tappa di Troyes quando sei scappato con Remco Evenepoel e Jonas Vingegaard? Sembrava un po’ teso.
È normale nelle corse. Non c’era molta comunicazione, solo gesti e piccole parole. Tutti sapevano cosa dovevano fare. Con Remco eravamo impazienti di arrivare al traguardo e magari vincere la tappa, pensavamo di essere nella fuga giusta. Ma Jonas non ha collaborato per niente e non siamo riusciti a prendere tempo dagli altri concorrenti nella classifica generale. È andata male, non ero contento ma è stata una bella gara sulle strade bianche, la mia forma e le mie gambe erano buone. E ‘stata una buona giornata.

“Meglio essere davanti in quel momento, questo è certo, ma non sono distacchi pazzeschi”

READ  Léon Marchand raggiunge i minimi olimpici nei 200 metri farfalla

Sei rimasto impressionato dalla sua forma attuale?
Sì, già durante la seconda tappa, quando abbiamo scalato il San Luca, Jonas ha tenuto le mie ruote abbastanza bene. Quando riesci a scalare il San Luca così velocemente, la tua forma è piuttosto buona. E anche il modo in cui si muove nel gruppo, seguendo le ruote dei suoi compagni di squadra, rimanendo sempre davanti, è super concentrato. Fa le discese e corre rischi nel gruppo. Quindi penso che sia piuttosto bravo e davvero in ottima forma.

Sei soddisfatto del distacco sui principali rivali dopo i primi nove giorni del Tour?
Sì, sono abbastanza soddisfatto. L’anno scorso è stato diverso, dovevo colmare il gap su Jonas. A dire il vero è stato doloroso, non da superare, ma… Quest’anno è il contrario e mi sento sempre più a mio agio. Ho 33 secondi di vantaggio su Remco. Non è pazzesco. È molto vicino, lo vedremo nella prossima tappa, ma anche gli altri corridori, Jonas e Primoz, sono abbastanza vicini, quindi è sicuramente meglio essere davanti in quel momento, ma non sono divari pazzeschi.

Pensavi prima del Tour di creare gap maggiori?
Onestamente non sapevo in che forma sarebbe stato Jonas. Ma quando ha annunciato che sarebbe stato al Tour, sapevo che ovviamente sarebbe stato in gran forma. Dopo i primi due passaggi, ho visto che era molto buono e che non potevo impiegare molto tempo.

Jonas ha detto stamattina (lunedì) che non era così forte l’anno scorso, che tu sembri un po’ più forte. Ha ragione?
Non la penso così. Cerca di minimizzarne un po’ l’importanza. Ma da parte mia, davvero non mi interessa. Mi concentro solo sulle mie gambe e mi diverto a stare in bici, a godermi la maglia gialla e a sentirmi bene ogni giorno.

READ  Il PSG affonda contro il Barça nell'andata dei quarti di finale di Champions League

Tu e Remco condividete uno stile di corsa offensivo, ti piace correre con lui?
È il nostro primo grande Tour insieme, corriamo l’uno contro l’altro e finora è stato piuttosto divertente correre contro di lui. Ieri (Domenica), era super aggressivo, è un avversario difficile. È davvero bello vedere un ragazzo come lui dare il massimo quando può e cercare di fare la differenza. È davvero bravo ed è davvero in ottima forma.

“Jonas punta su di me e credo che sia un po’ spaventato, ma vedremo in salita come andrà”

Pensi che Jonas abbia paura di te? E hai paura di lui?
No, non ho paura di lui. Direi che ieri avevo più paura di Remco perché rubava davvero ma non ho paura di nessuno. Potevo vedere sul volto di Jonas che aveva paura di me. Quando Remco se ne andava o qualcun altro apriva un varco, a Jonas non importava, gli importava solo di me e la sua squadra riportava tutti indietro, compreso Primoz. Jonas si concentra su di me e credo che sia un po’ spaventato, ma vedremo in salita come andrà.

Sta cercando di destabilizzarti mentalmente?
Se provano ad attaccarmi mentalmente, non ci riusciranno. Stanno completamente correndo contro di me ma già, durante gli ultimi tre o quattro Tour, era la stessa cosa. Ci sono abituato, non mi tocca. Devo solo essere me stesso e devo correre la mia gara. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *