Tadej Pogacar, Maglia Gialla, dopo l’undicesima tappa del Tour de France: “Jonas è nella migliore condizione della sua carriera in questo momento”



“Hai mancato lo sprint fino al traguardo o sei stato battuto da qualcuno più forte di te?
È stato semplicemente uno sprint dopo una gara molto, molto dura. Penso che Jonas sia stato molto forte oggi (Mercoledì), era cinque centimetri più veloce di me e merita questa vittoria, complimenti a lui. Secondo me, penso che sia nella migliore condizione della sua carriera in questo momento. È stata una battaglia molto leale, penso che la gara sia stata molto interessante. Se fossi stato davanti alla TV, penso che lo spettacolo mi sarebbe davvero piaciuto. Da parte mia, ho avuto una buona giornata in testa alla corsa. Congratulazioni a Jonas per avermi battuto, ma ci saranno altre opportunità.

La vostra squadra ha svolto molto lavoro a Puy Mary. È stato questo un precursore del tuo attacco?
Volevo solo creare un varco nel Puy Mary perché conosco molto bene questa collina e sapevo che avremmo potuto pedalare molto in discesa. Ma non ho visto alcuna debolezza da parte di Jonas. È concentrato per tutto il palco. Probabilmente aveva paura dopo l’incidente, ma ora è molto fiducioso nelle sue capacità. Pensavo di creare un varco nella parte finale di Puy Mary e di arrivare da solo al traguardo, ma Jonas ha dimostrato di essere molto bravo nell’ultima salita. Le mie gambe andavano molto bene, è stata una buona tappa per me. Abbiamo dimostrato molto coraggio, io e la mia squadra. Ci siamo attenuti al piano che era stato pianificato. Abbiamo dimostrato forza collettiva.

READ  Mohammed Kudus autore di una magnifica rimonta contro il Manchester City

“Ricordo che io e Jonas siamo ad un livello equivalente in salita”

Cosa ti sei detto quando Jonas Vingegaard ti ha incontrato su questo passo del Pertus?
È stata una salita molto difficile, non sapevo esattamente quanto fossi lontano dalla vetta. Ero un po ‘confuso. A circa un chilometro dalla cima ho visto Jonas che stava tornando, stava letteralmente volando. Mi ha sorpreso un po’, ho preferito aspettare, riposarmi un po’, avrei potuto spingere forte fino in cima e forse sarei rimasto davanti…

Cosa ne pensi del vantaggio che hai ora su Jonas Vingegaard nella classifica generale?
Non faccio attenzione a quanto sono avanti rispetto a lui. Ricordo che io e Jonas siamo ad un livello equivalente in salita. La gara di oggi è stata diversa da quella che accadrà dopo. I Pirenei saranno una storia diversa. »



Source link

News352

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *