Tadej Pogacar sul Giro: “Forse meno stressante del Tour”



Nella periferia di Torino, a Beinasco, l'UAE Team Emirates si è sistemato in un albergo di fronte… a un distributore di benzina. Ma non importa, il suo leader Tadej Pogacar, anche se gli piace davvero l'Italia, non è venuto a fare il turista. A 25 anni correrà il suo primo Giro che inizierà sabato e, come ogni volta che corre una corsa, vuole vincerla come ha spiegato in conferenza stampa. Prima del tentativo del raddoppio con il Giro, sequenza che non si realizzava dal 1998 con Marco Pantani.

“Cosa hai fatto concretamente dopo la vittoria a Liegi?
Mi sono allenato tanto, mi sono allenato bene, con ottime sedute e mi sono anche riposato. Mi sono divertito prima del Giro. Non era troppo avere tempo con la mia famiglia. Tra Liegi e il Giro è stato molto veloce.

A due giorni dalla partenza, in che stato d'animo ti trovi?
Più si avvicina la data della partenza, più la tensione sale, ma in senso positivo. Tutti vogliono davvero che inizi e io per primo. Mi piace correre in Italia, mi piacciono i tifosi italiani, ci saranno anche tifosi dalla Slovenia e da altri paesi, mi aspetto di vedere tanta gente sulle strade. Dovrebbero esserci tappe con un numero incredibile di spettatori, non vedo l'ora di vedere come sarà l'atmosfera sulle grandi salite e nei momenti importanti della gara.

Speri di conquistare la maglia rosa nella seconda tappa?
No, non è quello l'obiettivo principale, voglio riportarlo alla Roma. Vedremo giorno dopo giorno come sono le gambe all'inizio. Se ci sarà l’opportunità di prendere la maglia o vincere una tappa, lo faremo ma dobbiamo correre con intelligenza in questo Giro. So che la seconda tappa arriva in vetta, a Oropa, e mi piace iniziare i grandi Giri con tappe difficili. Ma ci sarà anche la tappa di Livigno (16, 21 maggio, con la salita allo Stelvio)le Monte Grappa (20a tappa, 25 maggio) e nel mezzo ci saranno altre belle salite che conosco bene, dove qualche volta mi sono allenato. E' un bel Giro.

READ  In assenza di Wout Van Aert, il team Visma-Lease bici senza certezze al Giro 2024

“Mi sento meglio sulla moto, mi diverto sempre di più e mi sembra logico essere migliore rispetto al passato”

Chi è il tuo principale avversario in questo Giro?
Qui ci sono corridori davvero molto bravi e in tre settimane può succedere di tutto, i giovani arrivano al Giro in ottima forma. Ma abbiamo visto anche corridori come Romain Bardet in ottima forma, Geraint Thomas sarà ancora lì come sempre, ha fatto una buona preparazione… Vedremo chi starà bene dopo il secondo giorno.

Come vivi lo status di favorito in questo Giro d'Italia?
In ogni gara a cui partecipo sono considerato il favorito, mi sono abituato a convivere con questo. Mi preparo secondo questa aspettativa, con la squadra che abbiamo sempre in mente che tutti vogliono batterci. Dobbiamo quindi controllare la corsa fin dall'inizio e anche il Giro sarà lo stesso, dovremo controllare più o meno la corsa ogni giorno perché le altre squadre ci proveranno. Ma sta a noi seguire la nostra strada, il nostro progetto. Ma quando hai una buona squadra intorno a te, non hai così tanta pressione.

Ora tutti si aspettano che tu vinca ogni gara a cui partecipi…
Sì e non è molto carino o rispettoso nei confronti degli altri corridori. Non siamo solo io e il team degli Emirati Arabi Uniti. Tutti si preparano per le tappe di montagna, le grandi gare e tutti puntano alla vittoria.

Ti senti meglio rispetto agli anni precedenti?
Penso di si. Mi sento meglio in moto, mi diverto sempre di più e mi sembra logico essere migliore rispetto al passato. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *