Teddy Riner gareggerà nel Gran Premio del Tagiko



“Mi hanno fatto pressione: 'vai a fare questo, fai quello'. Ma lasciami in pace! » Confidenza di Teddy Riner, dopo la sua vittoria al Grande Slam di Antalya (Turchia), 31 marzo, e il successo nella finale dei +100 kg contro il giapponese Saito. Il campione del mondo della categoria ha aggiunto: “La voglia non c’era affatto. » Ciò non gli ha impedito di vincere ma ci sentivamo stanchi. Condiviso tra i suoi sentimenti e la volontà del suo staff, desideroso di vederlo guadagnare punti per poter essere testa di serie (tra le prime 8) per le Olimpiadi di Parigi, a differenza delle Olimpiadi di Tokyo del 2021, ed evitarsi così un diabolico pareggio fino ai quarti di finale.

“Ecco, ci sono dei punti, spero che siano contenti. Ora potrò concentrarmi sulla preparazione finale per i Giochi e smettere di pensare “dobbiamo combattere”. Ciò che mi fa alzare la mattina sono i Giochi, non vedo l’ora di essere lì”, la cinque volte medaglia olimpica ha insistito in Türkiye.

14 punti dalle prime 8 della classifica olimpica

Nella classifica mondiale Riner è quarto (5.000 punti), a 1.900 punti dal leader, il russo Tasoev. Nella classifica olimpica il francese è nono con 4.000 punti, a 14 punti dai primi 8 e a 2.400 punti da Tasoev, leader anche di questa classifica. “Questo Grande Slam di Dushanbe non è messo così male (nel calendario), non sono rimaste molte gare. Il fine settimana successivo ci sarà il Grande Slam del Kazakistan (10-12 maggio) poi i Mondiali (Abu Dhabi, 19-24 maggio). Nella preparazione le cose andavano bene, Teddy si sentiva bene. Tra il Kazakistan e Dušanbe abbiamo preso Dušanbe”, giustifica Franck Chambily, il fedele allenatore della Guadalupa.

READ  Tolosa - Racing 92: a che ora e su quale canale vedere la partita della Top 14

In effetti, Riner parteciperà ai Mondiali di Abu Dhabi, dove i pesi massimi gareggeranno il 23 maggio? “Per il momento non è in cantiere, ma perché no, lo terremo sotto controllo” risponde Chambily, « È iscritto. La cosa più importante è anticiparlo, registrarlo in modo da poter essere reattivo se c’è motivazione. Faremo il punto dopo domenica” aggiunge il ct della Nazionale.

In questa stagione olimpica la parola d’ordine è “à la carte, à la carte”. Così aveva deciso Teddy Riner all'ultimo minuto competere nel Grande Slam di Parigi, il 4 febbraio, cogliendo un po' di sorpresa la federazione. Ai Mondiali, infatti, gli è riservato un posto nei +100 kg. Martedì si è riunito il comitato federale di selezione, ma l'annuncio della selezione completa per i Mondiali non dovrebbe essere effettivo prima di giovedì, in attesa di qualche riscontro su alcuni stati di forma.

“È importante essere tra gli otto”

Ma sapendo che una vittoria nello Slam porta 1.000 punti e una ai Mondiali 2.000, che senso ha competere in uno piuttosto che negli altri? “In termini di compatibilità rispetto alla classifica, risponde Franck Chambily. Teddy non è messo male quindi se prende 1.000 punti avanza un po'. Certo l'ideale è prendere 2.000 punti in una competizione ma resta un Mondiale dove emotivamente sei obbligato ad essere a punto, devi rifarlo due mesi dopo (alle Olimpiadi). L'infortunio può verificarsi due mesi prima delle Olimpiadi e allo stesso tempo è importante essere tra gli ottavi. »

READ  Il Manchester City torna leader della Premier League dopo il successo in casa del Fulham

“Se le cose vanno bene, il Grande Slam ti mette in buone condizioni, quindi è più facile saltare i Mondiali. Si tratta più di una questione di contabilità perché la vera competizione sarà quest’estate”, ricorda Chambily. Per Teddy Riner sarà il 2 agosto.

Al suo fianco da più di quindici anni, il suo allenatore ha saputo trovare le parole per convincere Riner a gareggiare ancora, a caccia di punti: “Anche se non vuoi, devi comunque mettere tutto dalla tua parte. Ma bisogna avere le giuste sensazioni, per voler competere. Questo è il caso. »

Teddy Riner non è l'unico selezionato per le Olimpiadi del 2024 a competere nel Grande Slam di Dushanbe: sono iscritte anche Sarah-Léonie Cysique (-57 kg) e Walide Khyar (66 kg).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *