Thiago Braz sospeso per 16 mesi dall'AIU per positività al test dell'ostarina



Thiago Braz non vincerà la terza medaglia olimpica nel salto con l'asta. Titolato in casa a Rio nel 2016, poi terzo a Tokyo nel 2021, il brasiliano è stato sospeso per 16 mesi dall'Atletica Integrity Unit (AIU) per un test positivo all'ostarine durante l'incontro di Stoccolma del 2 luglio 2023.

Una difesa che è stata ascoltata dal momento che l'atleta ha ricevuto solo 16 mesi mentre rischiava una sospensione di 4 anni per l'uso di questo anabolizzante, classificato tra le sostanze non specificate dall'Agenzia mondiale antidoping (WADA). Il tribunale disciplinare dell'AIU ha tuttavia riconosciuto che l'atleta si era affidato al suo staff medico per consumare questo integratore e che la sua colpa era quindi condivisa.

« Gli atleti brasiliani, incluso il signor Braz, sono stati specificamente informati dei pericoli derivanti dall'uso di integratori provenienti da farmacie composte in Brasileindica il direttore dell'AIU, Brett Clothier, in un comunicato stampa. Ciò è avvenuto tramite i forum online AIU e i pareri consultivi degli atleti AIU. »

L'atleta 30enne, sospeso fino al 27 novembre 2024, ha presentato ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (CAS).

READ  Paul Argney (Le Havre) firmerà da professionista



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *