Thiago Silva, Son, Lewandowski… questi giocatori che indossavano una maschera prima di Mbappé


E negli altri sport…

Il giocatore mascherato più famoso rimarrà Lebron James nel 2014. Dopo essersi rotto il naso, è tornato meno di una settimana dopo, indossando una protezione facciale nera accompagnata da una fascia dello stesso colore per terrorizzare le difese. Un ritorno tanto leggendario quanto vincente con 31 punti segnati contro i New York Knicks.
Un'altra leggenda dell'NBA, Kobe Bryant, ha vissuto a lungo le gioie della maschera nel 2012. Il “Masked Mamba” alternava quindi una maschera nera e un'altra trasparente. Più recentemente, anche Kyrie Irving e Joel Embiid hanno diritto all'accessorio.
Nel rugby, Antoine Dupont ha attirato tutta l'attenzione giocando con il casco ma non con la maschera durante i Mondiali del 2023. Dopo la sua frattura maxillo-zigomatica, è sorta la questione dell'utilizzo di una maschera rigida, ma questo tipo di accessorio lo è proibito dai regolamenti del World Rugby.
Proprio nel 2010, Imanol Haridornoquy è stato costretto da queste regole a indossare una sorprendente maschera di schiuma per proteggere il suo naso rotto nelle semifinali di Coppa dei Campioni contro il Biarritz.
Sebbene gli esempi siano rari al di là del calcio e del basket, anche le Olimpiadi di Rio 2016 hanno visto un atleta mascherato. L'italiano Matteo Aicardi è stato dotato di protezione bianca durante la partita di pallanuoto tra Francia e Italia. Un accessorio che gli è riuscito perché Aicardi è diventato capocannoniere della partita e la sua Nazionale ha vinto la medaglia di bronzo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *