Thibaut Courtois, Marcus Rashford, Mats Hummels… gli undici assenti agli Europei, esclusi i francesi



Il portiere: Thibaut Courtois “non è pronto” secondo Tedesco

Thibaut Courtois (102 selezioni) avevano avvertito, lo scorso dicembre, che non parteciperà all'euro. Domenico Tedesco, il suo allenatore con cui mantiene freddi rapporti, aveva confermato la sua assenza lo scorso aprile prima di ufficializzarlo martedì svelando la sua lista.

Il tecnico ritiene che Courtois no  » non pronto «  dopo la sua stagione quasi vuota a seguito di un grave infortunio al ginocchio. Il portiere belga ha giocato 4 partite con il Real dal suo ritorno a inizio maggio. Partirà dall'1 giugno contro il Dortmund nella finale di Champions League? La domanda resta senza una risposta ufficiale da parte di Carlo Ancelotti, che lo descrive così “il miglior portiere del mondo”. Il Belgio dovrà farne a meno.

I centrali: Mats Hummels vittima della concorrenza

Ci sono molti meno dubbi riguardo al mandato di Mats Hummels (78 presenze) nella difesa del Borussia. Il tedesco è stato uno dei grandi artefici della qualificazione del Dortmund alla finale di Champions League e ha lasciato una forte impressione durante il doppio confronto contro il PSG.

Il campione del mondo 2014 ha dimostrato di avere ancora qualcosa al suo attivo, dimostrando il suo senso del posizionamento, le sue qualità nel duello aereo ma anche a terra per compensare il suo deficit di velocità. Ma Julian Nagelsmann ha preferito in particolare il suo compagno di squadra Nico Schlotterbeck in un settore dei giochi in cui la concorrenza è spietata oltre il Reno. Questo è anche il caso d'Oltremanica dove Gareth Southgate è l'allenatore che senza dubbio ci ha riservato più sorprese.

I terzini: Ian Maatsen salta dalla lista finale, Ben White fallisce la selezione

L'assenza di Ben Bianco ha una spiegazione molto diversa. Il difensore dell'Arsenal, titolare indiscutibile nella formazione titolare di Mikel Arteta, aveva chiesto lo scorso marzo di non essere convocato. Una decisione intrigante, che sarebbe giustificata da un litigio con Steve Holland, vice di Southgate, durante i Mondiali del 2022 in Qatar, secondo la stampa inglese.

Il Bianco, che non aveva giocato un solo minuto durante le partite del girone, aveva abbandonato la selezione  » ragioni personali  » nel bel mezzo della competizione. Southgate ha quindi cercato di convincerlo a tornare. Invano. L'Inghilterra potrà ancora contare su Kyle Walker, Kieran Trippier e Trent Alexander-Arnold.

Presente nella pre-lista dei Paesi Bassi, Ian Maatsen (0 selezioni) è uno dei quattro delusi, estromesso dalla graduatoria finale. Il terzino sinistro, in prestito dal Chelsea al Dortmund, viene da un semestre di grande successo in Bundesliga dove ha messo in mostra le sue qualità offensive (2 gol e 2 assist). Insufficiente agli occhi di Ronald Koeman.

I cerchi: Marco Verratti dimenticato in Qatar

L’Italia ne farà a meno Marco Verratti (55 selezioni) quest'estate in Germania. Nella selezione, il pescarese non ha mai trovato le prestazioni e l'influenza che ha sperimentato nel suo periodo migliore al PSG, ma la sua assenza per l'Europeo potrebbe sorprendere nonostante le sue 18 partite con l'Al-Arabi SC in questa stagione in Qatar, in un campionato molto meno competitivi rispetto a quelli delle Big 5 europee.

Julian Nagelsmann ha fatto scelte forti, soprattutto a centrocampo, scegliendo di fare a meno di giocatori come lui Leon Goretzka (57 presenze), autore di una stagione da 42 partite, 6 gol e 11 offerte. Forse più sorprendentemente, in un registro diverso, Giuliano Brandt (47 selezioni) non ci sarà quest'estate. Bravissimo in Champions League ma anche in Bundesliga dove è stato decisivo (7 gol, 12 assist), il trequartista iperattivo, capace anche di giocare su entrambe le fasce, non è riuscito a convincere il suo allenatore a trattenerlo.

READ  La Germania con Dennis Schröder e tutti i suoi campioni del mondo alle Olimpiadi

Ali: Marcus Rashford assente dalla lista inglese

Marco Rashford è la grande assenza di La lista di Southgate. L’attaccante del Manchester United ha avuto un anno finanziario 2023-2024 complicato, sia individualmente che collettivamente. Ciò è dimostrato dalle sue statistiche basse (8 gol e 5 gol in 43 partite). Le sue 60 presenze con i Tre Leoni non sono bastate a salvarlo e sono stati giocatori come Eberechi Eze ad approfittarne.

In Spagna, il grande perdente lista elargie di Luis de la Fuente è chiamato Marco Asensio (38 selezioni). Il parigino sta sicuramente pagando il minor minutaggio con il club dell'Ile-de-France ma anche la sua scarsa efficienza in zona gol (5 gol, 7 assist in tutte le competizioni). Ricordiamo che l'ex madrileno ha saltato due mesi di gare a causa di un infortunio al piede.

L'aggressore: Joshua Zirkzee resta al molo

Agli ordini di Thiago Motta a Bologna, sensazione della stagione in Italia, Joshua Zirkzee (0 selezioni) ha ottenuto la migliore prestazione della sua carriera con 12 gol e 7 assist. Il 22enne attaccante avrebbe quindi potuto legittimamente aspirare a un posto nella lista di Ronald Koeman, ma è rimasto presto deluso quando non ha visto il suo nome nella pre-lista dei 30 giocatori. L'ex allenatore del Barça ha privilegiato i profili del focoso Brian Brobbey e dell'esperto Wout Weghorst.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *