Tony Estanguet sulla sequenza delle tensioni al Porto Vecchio di Marsiglia: “Un movimento di folla ben gestito”



Era ovviamente presente questo giovedì mattina, alle 8,20, sotto un sole splendente, ai piedi di Notre-Dame de la Garde (la “Buona Madre”), per vedi Basile Boli, l'eroe della finale di Champions League di Monaco, nel 1993 contro il Milan (1-0), inizia il viaggio della fiamma olimpica dalla “terrazza degli angeli” della celebre basilica che domina Marsiglia, sotto la statua dorata di Maria. E il giorno dopo l'arrivo della fiamma Giochi Olimpici sul Porto Antico, dopo lo sbarco dal maestoso Bianco, Tony Estanguet salutò “un momento importante per il Paese e una cerimonia molto bella, proprio come quello che vogliamo per questi Giochi: che siano spettacolari, aperti, in città”.

Ma questo “festa popolare” e ultra-sicuro è stato segnato anche da lunghi minuti di tensione e nervosismo, intorno alle 20, durante l'intervallo tra i festeggiamenti di fine fiaccola e il concerto di Soprano e Alonzo. Una sequenza caotica che ha provocato una ventina di interventi o evacuazioni da parte dei servizi di emergenza, per malori e colpi di calore, e un certo panico tra gli spettatori bloccati in una folla compressa in flussi contrari, in particolare nel fumaiolo della Canebière.

Gestione delicata delle entrate e delle uscite

“C'è stato questo movimento di folla per alcuni minuti che è stato piuttosto ben gestito perché non ci sono stati feritiha risposto il capo di Parigi 2024. Sappiamo che questo può accadere nei concerti e nelle manifestazioni. C'erano più di 200.000 persone, quindi quando cresce un po', è piuttosto impressionante. Questo accade regolarmente quando ci sono così tante persone in un posto così piccolo. Ma la sera il concerto si è svolto come previsto (ha iniziato con più di 30 minuti di ritardo). Vorrei elogiare il sistema di sicurezza e la reattività (agenti), hanno saputo mantenere la calma e gestire quel momento. Per noi era importante dimostrare questo know-how. »

READ  Miossec vuole vedere il Brest giocare la Coppa dei Campioni al Le Blé

Al culmine della tensione, in particolare il quartier generale della polizia delle Bouches-du-Rhône “ha chiesto all’organizzatore di favorire le uscite e sospendere gli ingressi” all'interno del perimetro sicuro “per allentare la pressione sul pubblico”.

“Il corso delle cose ha potuto riprendere, ecco cosa dobbiamo ricordare”

Amélie Oudéa-Castéra, ministro dello Sport

Anche il Ministro dello Sport, Amélie Oudéa-Castéra, era presente ai piedi di Notre-Dame de la Garde, questo giovedì mattina, per vedere Boli avviare la staffetta e passare la fiamma a Colette Cataldo (83 anni), storica sostenitrice della l'OM. “Ci sono stati alcuni momenti che sono stati gestiti subito bene, ha spiegato il ministro. Poi tutto si è svolto con calma e le cose hanno potuto riprendere, questo dobbiamo ricordarlo. C'erano molte più persone del previsto, ma è stato comunque un grande successo organizzativo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *