Tre miti comuni sugli integratori alimentari


L’industria degli integratori alimentari sta crescendo in modo esponenziale. Tuttavia, dietro l’hype che circonda questi prodotti si nascondono realtà spesso trascurate. Ecco tre miti molto comuni sull’integrazione alimentare.

In aumento gli integratori

Dati precisi sul numero di adulti francesi che assumono vitamine, prebiotici e altri integratori alimentari possono variare a seconda degli studi e delle indagini specifiche condotte su questo argomento. Tuttavia, alcune ricerche forniscono stime generali sulla prevalenza del consumo di questi integratori in Francia.

Uno studio eseguito dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e sanitaria sul lavoro (ANSES) nel 2017 ha esaminato le abitudini di consumo in Francia. Secondo questo studio, circa Il 20% degli adulti francesi consuma regolarmente integratori alimentaricome vitamine, minerali, antiossidanti, omega-3 e altri prodotti simili.

Gli integratori alimentari sono spesso visti come soluzioni rapide per migliorare la salute o compensare le carenze nutrizionali. Tuttavia, è essenziale riconoscere che non sono regolamentati allo stesso modo dei farmaci. Infatti, sono considerati e regolamentati più come prodotti alimentari che come medicinali. Questa distinzione è importante perché significa che non sono tenuti agli stessi rigorosi standard di sicurezza ed efficacia. Di conseguenza, la loro qualità, purezza ed efficacia possono variare in modo significativo tra i prodotti e spesso mancano prove scientifiche solide a sostegno delle indicazioni sulla salute associate a molti integratori.

Tuttavia, è importante chiedersi perché così tante persone pensano che gli integratori possano aiutarli a vivere una vita più sana. E sebbene le ragioni siano molte, il modo in cui gli integratori vengono commercializzati è innegabilmente importante. Katie Suleta, membro della facoltà di ricerca in formazione medica laureata presso la George Washington University, alleviare tre punti essenziali.

L'illusione del richiamo alla natura

L'uso del termine « naturale » nel marketing degli integratori è una strategia molto popolare creare una percezione di qualità e sicurezza. Si basa sull'idea che tutto ciò che è naturale fa necessariamente bene alla salute. Quando parliamo, ad esempio, di prodotti come la vitamina C, che spesso viene associata ad alimenti naturali come arance e agrumi, evoca immagini di freschezza, vitalità e benessere. Questa associazione tra questa vitamina e gli alimenti naturali rafforza l’idea che l’assunzione di questi integratori sia un’alternativa sana e naturale per rafforzare il sistema immunitario e prevenire le malattie.

READ  Avvistamento estremamente raro di una gazzella a sei zampe

Al contrario, quando si menzionano soluzioni mediche convenzionali come il vaccino antinfluenzale, spesso si evocano immagini di procedure mediche, prodotti farmaceutici e talvolta anche scetticismo. Sebbene sia stato clinicamente dimostrato che i vaccini prevengono le infezioni influenzali e riducono la gravità della malattia, possono essere percepiti come meno “naturali” degli integratori di vitamina C.

L'industria degli integratori sfrutta quindi questa associazione positiva con la natura incorporando termini come « naturale », « puro » e « autentico » nei nomi dei marchi e negli slogan pubblicitari. Questi termini sono progettati per evocare immagini di prodotti non trasformati, freschi e privi di sostanze chimiche, rafforzando la percezione di qualità e sicurezza.

Tuttavia, è importante notare che il termine “naturale” non garantisce la qualità, l'efficacia o la sicurezza di alcun prodotto. Molti integratori naturali possono infatti contenere potenti principi attivi in ​​grado di farlo avere effetti collaterali o interagire con altri farmaci. Allo stesso modo, molti prodotti “artificiali” possono essere sicuri ed efficaci se usati correttamente.

supplementi dietetici
Crediti: Valentyna Eltsova/istock

Più ne prendi, meglio è

L’idea che “più è, meglio è” è una credenza comune che deriva dal richiamo all’illusione della natura. Questa illusione si basa sull'idea che se qualcosa è naturale, una quantità maggiore di quella sostanza deve essere ancora migliore per la tua salute. Questa logica semplicistica, tuttavia, ignora i complessi processi regolatori del corpo umano.

In realtà, il nostro corpo è molto bravo a regolare i livelli di vitamine e minerali di cui ha bisogno. Se non soffriamo di carenze nutrizionali, consumarne quantità eccessive non si tradurrà necessariamente in benefici per la salute. Al contrario, a volte può avere conseguenze dannose.

Questo è il motivo per cui gli scettici sugli integratori ricorrono spesso all'espressione umoristica « stai pagando solo una pipì costosa ». Questa espressione si riferisce al fatto che il nostro corpo elimina i nutrienti in eccesso che non può utilizzare, il che significa che assumere dosi eccessive di queste sostanze può essere inefficiente e persino dispendioso.

Prendiamo l’esempio della vitamina C, spesso elogiata per le sue proprietà antiossidanti e il suo ruolo nel rafforzare il sistema immunitario. Gli integratori di vitamina C sono spesso commercializzati con dosaggi elevati fino a 750 o 1.000 milligrammi, mentre gli adulti necessitano solo di 75-120 milligrammi di vitamina C al giorno per mantenere una salute ottimale. Consumare dosi eccessive di vitamina C non comporterà ulteriori benefici per la salute, ma piuttosto un eccesso che verrà eliminato dall’organismo.

READ  La storia dei letti armadio: una tradizione medievale dimenticata

Il pregiudizio dell'azione

Il bias dell’azione è un fenomeno psicologico che spinge gli individui a farlo agire piuttosto che rimanere passivi, spesso per paura di perdere un’opportunità o di non avere il controllo su una situazione. L’idea che fare qualcosa sia meglio che non fare nulla è profondamente radicata nella nostra cultura, soprattutto quando si tratta di salute. Nel contesto degli integratori alimentari, questo pregiudizio gioca un ruolo importante perché incoraggia le persone ad assumerli anche se queste misure non sono sempre necessarie o vantaggiose.

Tuttavia, questo approccio può essere pericoloso, poiché spesso contengono dosi molto superiori alla dose giornaliera raccomandata di alcuni nutrienti. Questo consumo eccessivo può quindi portare a effetti indesiderati sulla salute. Ad esempio, consumare troppa vitamina C può causare sintomi gastrointestinali come diarrea, nausea e crampi allo stomaco. Allo stesso modo, un eccesso di vitamina D può portare a problemi come nausea, vomito e persino alla formazione di calcoli renali.

Inoltre, questi prodotti possono interagire con altri farmaci prescritti, che può avere gravi conseguenze per la salute. Ad esempio, l'erba di San Giovanni, un integratore a base di erbe spesso usato per trattare la depressione da lieve a moderata, è noto per interagire con una serie di farmaci comunemente prescritti, come contraccettivi orali, farmaci immunosoppressori, statine e persino chemioterapia. Queste interazioni possono alterare l’efficacia dei farmaci o peggiorarne gli effetti collaterali.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *